ANCONA – Un’importante scoperta scientifica nel campo della medicina è stata compiuta da un gruppo di ricercatori dell’Unità Operativa di Cardiologia dell’Inrca e del Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università Politecnica delle Marche. La ricerca condotta nella nostra regione ha consentito di individuare un nuovo “marcatore” presente nel sangue in grado di rivelare l’insorgenza dell’infarto con maggiore accuratezza e rapidità di quanto non avvenga con le “sentinelle” oggi utilizzate. I risultati della ricerca, date le importantissime implicazioni, sono stati presentati alla comunità scientifica internazionale che ne ha riconosciuto l’elevato profilo di validità ed efficacia.

La scoperta sarà illustrata alla stampa Lunedì 27 febbraio, presso il Palazzo Raffaello di Ancona. Per l’occasione saranno presenti, tra gli altri, il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, il direttore del dipartimento Salute e Servizi sociali, Carmine Ruta, il direttore generale dell’Inrca, Giuseppe Zuccatelli e il direttore scientifico dell’Inrca, Fabrizia Lattanzio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 626 volte, 1 oggi)