ASCOLI PICENO  – Ieri mattina, sabato 26 febbraio, sono stati trovate alcune ossa umane nei pressi di Vallesenzana, a pochi chilometri dall’abitato urbano di Ascoli Piceno. Si tratterebbe di un teschio e di altre ossa del corpo.

Con ogni probabilià (per la certezza verranno eseguiti esami medici) appartengono a Vittorio Ciotti, l’uomo di 70 anni scomparso da oltre un anno. Nei pressi del luogo in cui è avvenuto il ritrovamento, infatti, è stato rinvenuto anche un borsello contentente i documenti dell’anziano. I resti degli indumenti trovati sul corpo, poi, sembrano essere compatibili con quelli che, secondo le descrizioni fornite dai familiari, l’uomo indossava il giorno della scomparsa. Gli esami medici dovrebbero chiarire anche le cause e i tempi della morte. A rinvenire i resti, nei pressi di una porcilaia, sarebbe stato un cacciatore.

Sul posto sono arrivati i Carabinieri di Appignano e di Ascoli e il sostituto procuratore di Ascoli Pirozzoli.

Vittorio Ciotti si era allontanato dalla propria abitazione, ad Ascoli Piceno, il pomeriggio del 28 gennaio 2011.

Da quel giorno in poi di lui nessuna traccia, anche se molti indizi portavano proprio alla zona di Vallesenzana. E proprio in quell’ area dove sono stati trovati i resti umani, alcuni mesi fa furono svuotate due grosse vasche adibite all’irrigazione perchè nei pressi erano stati recuperati alcuni indumenti che pareva potessero appartenere all’uomo.

Purtroppo, le speranze di trovare vivoVittorio Ciotti, persona molto conosciuta nella zona del centro cittadino, andarono giorno dopo giorno riducendosi soprattutto per via del fatto che l’uomo doveva prendere quotidianamente delle medicine, che invece al momento della scomparsa non aveva con sè.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.285 volte, 1 oggi)