ASCOLI PICENO – Poteva essere una vittoria fondamentale, e invece, da Reggio Calabria, l’Ascoli torna con un solo punto. Meritato, viste le occasioni create dalle due squadre nell’arco dei 90′. Una gara in cui i bianconeri hanno lasciato il predominio ai padroni di casa, ma ad andare più volte vicino al gol sono stati gli uomini di Silva. Migliore in campo Louis Parfait, decisivo nell’azione del vantaggio e autore di una prestazione piena di grinta e intelligenza tattica. Buono anche il contributo offerto da Tomi e da tutta la difesa in generale, mai in difficoltà contro l’attacco amaranto. Queste le valutazioni di PicenoOggi.it sui giocatori bianconeri.

GUARNA 6: Sarebbe stato l’eroe del giorno se avesse intuito il tiro di Nicolas Viola dal dischetto. Fino a quel momento, suda solo per bloccare timide conclusioni lontane.

SCALISE 6: Prestazione ordinata. Sempre in appoggio, come suo solito spreca pochissimi palloni e cerca, soprattutto nel primo tempo, di andare sul fondo per il cross. Provvidenziale anche nelle diagonali difensive.

CIOFANI 5,5: Paradossalmente, da difensore, gli errori li commette palla al piede, non quando ce l’hanno gli altri. Sciupa la sua disciplina tattica con troppi tocchi a vuoto.

PECCARISI 6,5: Guida bene la difesa e non concede nulla. Non è un caso, infatti, che Guarna viene impegnato solo su tiri da fuori.

FAISCA 6,5: Migliore rispetto alle ultime gare. Calamita tutti i palloni alti ed è puntule anche su quelli a terra.

TOMI 7: Dopo la sufficiente prova col Sassuolo, l’ex Foggia doveva confermarsi, meritandosi la fiducia di Silva. Ci riesce in pieno. Grande corsa, sia in spinta che in difesa, dove copre bene e non commette errori. Ammonito.

PARFAIT 7,5: Autentico protagonista. Il pubblico bianconero aspettava una gara di questo livello dal ‘robotino’ camerunense. Gara di spessore, per quantità di palle recuperate e gestione delle stesse. Spreca poco e s’inventa la giocata da cui nasce il vantaggio.

PASQUALINI sv: Entra pochi minuti per dare fiato e corsa al centrocampo. E’ bravo nel crossare sull’occasione per Gerardi.

PEDERZOLI 6: Riferimento delle azioni dell’Ascoli, fa da schermo con esperienza davanti alla difesa. Poteva sfruttare diversamente una punizione fuori area nel secondo tempo.

DI DONATO 6: Spostato sul centrosinistra della mediana, lotta come sempre calamitando palloni su palloni. Bravo a ‘rinfrescare’ il giropalla cambiando lato della manovra.

PAPA WAIGO 5,5: Tornato titolare dopo la panchina di Modena, viene bersagliato dai falli degli avversari. Tuttavia, spreca troppo: sia nel primo che nel secondo tempo, non freddando Zandrini per il 2-0.

SONCIN 6,5: Fino al gol era stato tra i peggiori. Zero pericoli creati e tante, troppe palle buttate al vento. Poi, però, si accende: prima la zampata da bomber nell’1-o, quindi nel bellissimo assist calibrato per Papa Waigo.

GERARDI 6: Pochi minuti, ma sfiora il 2-1 in girata volante su cross di Pasqualini. Principale indiziato per aver ‘sfiorato’ Viola sul rigore dell’1-1.

SILVA 6,5: Vedere la squadra che si abbassa fino ai trenta metri con la palla ancora sulla metà campo avversaria fa riflettere e anche mormorare. Ma i fatti gli danno ragione: imbriglia la Reggina e punta sul fatto che i suoi, prima o poi, sarebbero venuti fuori. Con un altro arbitro avrebbe portato a casa tre punti. Voto 9 per l’urlo colto in diretta dalla telecamera dopo essere stato colpito da una pallonata ravvicinata: “Sono forte, non mi pieghi!”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 415 volte, 1 oggi)