ASCOLI PICENO – Si rafforza l’amicizia tra il Piceno e la Chiesa polacca. Il presidente della Provincia Piero Celani nei giorni scorsi ha ricevuto a Palazzo San Filippo il monsignor Antoni Pacyfik Dydycz, vescovo della diocesi polacca di Drohiczyn, che da tempo ha intensi contatti e forme di collaborazione con le diocesi del Piceno. L’alto prelato, già Generale dei Cappuccini, era accompagnato dal vicario monsignor Zbigniew Rostkowski, dal segretario don Lukasz Golebiewski e don Adam Baranski attualmente parroco di Venagrande. Oltre a don Adam, ci sono altri due sacerdoti polacchi, provenienti sempre dalla stessa Diocesi, uno a Maltignano e l’altro a Ripatransone, che prestano servizio pastorale nel nostro territorio in seguito ad accordi tra le curie competenti.

Il vescovo Dydycz, che nei prossimi giorni incontrerà Papa Benedetto XVI, ha espresso “grande apprezzamento per nostra Provincia e per la sua comunità operosa e solidale” ed ha auspicato “una sempre maggiore sinergia, anche culturale, sociale ed economica tra le realtà locali dei due Paesi che condividono forti legami di amicizia e di unità di intenti”.

Il presidente Celani, da parte sua, ha ringraziato il vescovo per la sua visita ed attenzione verso il nostro territorio ed ha evidenziato “il proficuo impegno e l’attività dei sacerdoti natii del paese di Papa Wojtyla nel Piceno”. L’anno scorso la Provincia ha accolto oltre 84 ragazzi polacchi in vacanza in Italia, un gemellaggio che proseguirà anche nella prossima estate con altri giovani nel ambito di un avviato scambio tra le due comunità.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 176 volte, 1 oggi)