ASCOLI PICENO – Nuova vita per l’Oratorio di San Francesco. Dopo i lavori di restauro e risanamento conservativo, i locali dell’ex pescheria nel chiostro maggiore verranno riaperti al pubblico domani, venerdì 9 marzo, alla presenza del noto critico d’arte Vittorio Sgarbi.

E’ grande l’attesa per la riapertura di questo spazio, per tanti anni adibito a pescheria, che verrà restituito alla città dopo un accurato lavoro  di recupero che ha permesso di riportare alla luce antichi affreschi, alcuni dei quali attribuibili a Cola d’Amatrice, pittore e scultore morto ad Ascoli nella metà del Cinquecento. Lo stesso artista al quale erano state attribuiti degli affreschi raffiguranti scene dell’Antico Testamento, conservati nella sala parrocchiale del Convento di San Francesco.

“I lavori nell’ex pescheria del chiostro maggiore di San Francesco – ha detto il sindaco Guido Castelli – rientrano nel piano di sviluppo allegato al bilancio 2010 e al piano delle opere pubbliche. L’amministrazione comunale ha infatti voluto riappropriarsi di un altro spazio pubblico per restituirlo ai cittadini e ai turisti attraverso questo intervento con cui si riqualifica uno degli angoli bui del centro storico restituendogli luce e visibilità”.

L’inaugurazione, in programma alle ore 19, sarà preceduta alle ore 17 da un momento di approfondimento, presso il teatro Ventidio Basso. Dopo il saluto del sindaco Guido Castelli e di Stefano Papetti, direttore dei Musei civici, Vittorio Sgarbi interverrà sulla figura di Cola dell’Amatrice e, a seguire, relazione tecnica sui lavori eseguiti nell’Oratorio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 958 volte, 1 oggi)