ANCONA – Una giornata di studio per celebrare i “Vent’anni dell’Ordine dei Geologi delle Marche”. L’incontro, in programma per domani 9 marzo al Ridotto delle Muse di Ancona, è rivolto ai 540 geologi marchigiani, di cui 454 uomini e 86 donne, che si occupano di difesa del suolo, geologia applicata all’ingegneria, ambiente e pianificazione (il 98% come liberi professionisti). Nella riunione si rifletterà sulle problematiche del territorio marchigiano e sul cambiamento nella professione del geologo, legata soprattutto al nuovo decreto sulle liberalizzazioni.

L’incontro tratterà anche il tema dell’alluvione del 2011 che ha colpito la regione, in particolare il fermano. A tal proposito, il presidente dell’Ordine dei Geologi marchigiano, Enrico Gennari, ha scritto al Presidente del Consiglio Mario Monti, per ricordare che ancora non sono stati erogati fondi e per sollecitare una politica più attenta alla prevenzione. “E’, ormai, fin troppo evidente che il reperimento delle risorse per fronteggiare il ripetersi delle emergenze dettate dall’assoluta inadeguatezza del governo del territorio e della difesa del suolo all’adattamento ai cambiamenti climatici – scrive Gennari nella lettera inviata anche al Governo regionale e ai sindaci -, possa attuarsi solo attraverso nuove e urgenti strategie. La politica territoriale deve essere ridisegnata, ottimizzando le risorse economiche per trovare quei meccanismi virtuosi che inducano, progressivamente ma efficacemente, alla crescita culturale e consapevolezza e, quindi, alla sensibilità politica, amministrativa e impositiva progressivamente rivolte verso la prevenzione, e non solo, come fino ad ora, per la cura dei danni subiti a posteriori”.

Nella prima parte dell’incontro, dopo il saluto delle autorità, si svolgerà un confronto, moderato da Enrico Gennari, fra i rappresentanti degli Ordini professionali su “La riforma delle professioni. Quale futuro”. Interverranno, tra gli altri, Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio nazionale Geologi e Pasquale Felicetti, Consiglio nazionale degli Architetti. A fine mattinata, i geologi getteranno uno sguardo su “I paesaggi di Piero della Francesca” approfondendo il tema della geomorfologia nello studio delle opere rinascimentali insieme a Olivia Nesci dell’Università degli studi di Urbino “Carlo Bo” e a Rosetta Borchia, esperta di paesaggio. Dalle 14.30, il ventennale dei geologi marchigiani proseguirà con un dibattito su “Prevenzione del rischio. Nuove strategie di comunicazione”, moderato da Gigliola Alessandroni, vicepresidente dell’Ordine dei Geologi delle Marche.

La giornata per il ventennale sarà conclusa da una cerimonia di premiazione ai geologi iscritti all’Ordine da trent’anni, quello nazionale fu istituito nel 1963, e ai presidenti e ai consiglieri dei precedenti mandati. Info www.geologimarche.it.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 386 volte, 1 oggi)