ASCOLI PICENO – I sindaci marchigiani scendono in piazza per reclamare i fondi dell’alluvione. Oggi la Provincia parteciperà con due pullman (uno da Ascoli e l’altro da San Benedetto) al “Marche Day”, la grande giornata di mobilitazione istituzionale a Roma, in programma a Piazza Montecitorio a partire dalle 10. L’iniziativa, insieme a tutte le altre Province marchigiane è volta a sensibilizzare le Autorità Centrali sulla necessità di erogare le risorse promesse per l’alluvione del 2011 e la nevicata del 2012. Due eccezionali eventi meteo che hanno provocato danni gravissimi alle infrastrutture pubbliche e private del territorio.

Anche il presidente della Provincia Piero Celani partecipa, insieme a sindaci e amministratori del Piceno, che interverranno con la fascia tricolore ed il gonfalone del proprio Comune accompagnati da rappresentanti delle associazioni di categoria, dei sindacati, dei consumatori.

“Ho letto sulla stampa che ci sarebbe uno stanziamento di 25 milioni di euro “da destinare all’emergenza del marzo 2011, quando l’alluvione devastò gran parte dei territori a cavallo tra il Fermano e il Maceratese” – dichiara il presidente Celani -. Ebbene vorrei ricordare alle Autorità regionali che l’evento calamitoso ha inferto enormi danni anche e soprattutto alle aziende, alle attività economiche e alle infrastrutture del Piceno, territorio che insieme al Fermano è stato quello oggetto di maggiore devastazione dalla furia del maltempo. Vigileremo quindi come amministrazione provinciale, insieme alle altre amministrazioni interessate, perché le risorse siano destinate al Piceno in proporzione ai danni subiti: non vorremmo che il nostro territorio fosse ancora una volta trascurato o penalizzato e le conseguenze subite sottovalutate. Inoltre – aggiunge Celani -, ritengo che i 25 milioni di euro per tutte le Marche siano fondi irrisori per far fronte alle richieste di ristoro delle imprese e degli operatori colpiti: pertanto invito il Governatore Spacca a sollecitare ulteriori e ben più cospicui stanziamenti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 241 volte, 1 oggi)