ASCOLI PICENO – Un’iniziativa per avvicinare il mondo dell’istruzione a quello delle imprese. È il progetto “Alternanza scuola-lavoro”, presentato oggi presso la sede di Confindustria. Presenti alla conferenza il presidente di Confindustria Ascoli Piceno Bruno Bucciarelli, il delegato all’Education di Confindustria Ascoli Renzo Maria De Santis, il presidente di Fainplast Battista Faraotti, il vicepresidente di Confindustria San Benedetto Roberto Cameli e le due insegnanti dell’Ipsia “Sacconi” Anna Paola Paolini e Maria Elma Grelli.

Tramite questo progetto alcuni studenti delle classi quinte (dal prossimo anno saranno coinvolte anche le quarte), potranno svolgere un’esperienza direttamente in azienda ed avere un primo approccio col mondo del lavoro, tramite uno stage di almeno 132 ore da effettuare durante il periodo scolastico. All’iniziativa, risultato di un protocollo d’intesa sottoscritto da Confindustria Ascoli ed Istituto Scolastico Regionale per le Marche, hanno aderito, già nella prima fase, 39 imprese e 8 scuole superiori della Provincia.

“L’iniziativa ha un duplice vantaggio – spiega De Santis -: da un lato permette ai giovani di orientarsi ed acquisire consapevolezza, anche prima del diploma, della realtà aziendale, con la possibilità dunque di arricchire il proprio bagaglio e curriculum personale. Al contempo, consente alle aziende di avere a disposizione, nel corso degli anni, un database con i nominativi di ragazzi che hanno aderito al progetto”. Questa collaborazione scuola-impresa è inoltre “un percorso che facilita l’inserimento ed aiuta dunque le imprese a selezionare il personale, un po’ come avviene in altri Paesi come la Germania, dove la disoccupazione giovanile è bassissima”, aggiunge Faraotti.

Il sistema didattico sta radicalmente cambiando per venire incontro alle nuove esigenze occupazionali ed ai cambiamenti economici. Sempre più si ragiona in termini di competenze da investire nel mondo del lavoro”, ha spiegato Anna Paola Paolini. Piena disponibilità dunque da parte delle scuole locali, che avvertivano da tempo l’esigenza di iniziative simili.

Al termine del periodo formativo, inoltre, Confindustria Ascoli Piceno e il Consorzio Universitario Piceno, con il contributo della Camera di Commercio, premieranno con una borsa di studio i migliori stagisti.

Di seguito le scuole superiori che hanno aderito al progetto: per quanto riguarda Ascoli, Ipsia “G. Sacconi”, Istituto Tecnico Industriale “Enrico Fermi”, Istituto Tecnico Attività sociali “G. Mazzocchi” (indirizzi Linguistico e Biologico), Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri  “Umberto I”; per quanto riguarda San Benedetto, Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato, Istituto Tecnico Commerciale “A. Capriotti” e Istituto Professionale Statale per i Servizi Commercio e Turismo di Cupra Marittima.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 795 volte, 1 oggi)