ASCOLI PICENO – A poco più di una settimana dalla sua uscita ufficiale in libreria, e a meno di cinque giorni dalla presentazione al pubblico, il libro “C’era una volta il deserto” vanta già due record: il primo, un po’ edonistico e che ci fa gongolare per l’appoggio al collega giornalista Luca Capponi (uno degli autori) è che lo scorso 18 marzo, la sala presentazioni della Rinascita era piena come un uovo di Pasqua e che, pare, il primato presenze sia secondo solo a Fabio Volo, quando lo scorso 2008 fu ospite della libreria per presentare il suo “Il giorno in più”.

Il secondo primato invece riguarda un importante traguardo che il giovane scrittore ascolano, e il suo fido compagno di avventure hanno raggiunto in brevissimo tempo, ossia il primo posto in classifica fra i libri più acquistati nella settimana dall’11 al 18 marzo, nella personale top ten della libreria ascolana. Un primato che antepone “C’era una volta il deserto” agli ultimi usciti di Massimo Gramellini “Fai bei sogni” e Carlo Verdone “La casa sopra i portici” .

“Beh lo spessore del libro si adatta bene ai comodini dondolanti o ai tavoli con piedi zoppi”, ha risposto Capponi quando gli abbiamo chiesto di svelare il segreto del suo successo. Modesto e sempre in vena di battute, in realtà non ha voluto aggiungere che il merito è quasi tutto dell’altro autore, Tuco Ramirez: atteso fino in ultimo alla presentazione del libro, ha dato forfait lasciando orde di fans in lacrime. Qualcuno ha vociferato di una rapina che l’ha trattenuto, qualcun altro l’ha visto passare a piazza Roma con Chico, il suo scalcinato ronzino, imprecare perchè non trovava parcheggio, sparare un paio di colpi in aria di cui uno pericolosamente vicino ad un ausiliare della Saba, girare i tacchi e allontanarsi al galoppo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 809 volte, 1 oggi)