ASCOLI PICENO – Sulla mostra fotografica promossa da Casapound, durissimo l’intervento dell’onorevole Luciano Agostini: “Ho appreso di un’ iniziativa che si dovrebbe svolgere ad Ascoli dal titolo “Ascoli città fascista”. La cosa è tanto più grave perché non si tratta di una iniziativa di ricostruzione storica ma sembra avere le caratteristiche di un’iniziativa politica promossa da un movimento le cui simpatie verso la destra estrema non sono mai state nascoste. Inutile ricordare come la città di Ascoli sia stata insignita delle onorificenze più alte per la lotta partigiana e la Resistenza e quindi questa iniziativa, lo dico senza retorica, offende la storia, i valori ed anche il ruolo che la città  ha avuto nella Guerra di Liberazione”.

“Concordo pienamente con le ragioni e le motivazioni sollecitate dalle organizzazioni sindacali e contenute in una lettera rivolte al prefetto al  sindaco e al presidente della Provincia che stigmatizzano in maniera netta questa inziativa. A questo punto – prosegue l’onorevole del Pd –  non solo in termini di giudizio politico ma anche in qualità di amministratore perché a lui appartiene la responsabilità. L’inquietante silenzio del primo cittadino di Ascoli non passerà inosservato perché qualora non bloccherà l’iniziativa io ne farò oggetto di interrogazione parlamentare al Ministero dell’Interno e solleciterò il Prefetto affinché attraverso il proprio istituto assuma un’iniziativa chiara nella direzione di interdire questa esposizione fotografica”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 961 volte, 1 oggi)