ASCOLI PICENO – È per domenica prossima, 25 marzo, a partire dalle 16:30, l’appuntamento al teatro Palafolli per la Festa Multietnica, un’iniziativa nata da un’idea di Papa Waigo, giocatore dell’Ascoli Calcio e testimonial nazionale della campagna “L’Italia sono anch’io”, che promuove una proposta di legge popolare per il diritto di cittadinanza ai figli di stranieri nati in Italia e l’elettorato attivo e passivo per gli stranieri, ed è sostenuta da ben 19 sigle, fra associazioni e sindacati.

Sarà un’occasione di incontro e divertimento, con spettacoli, musica e cibo multietnico, organizzata in collaborazione con diverse associazioni locali coinvolte nel progetto.

Lo scorso 6 marzo, Papa Waigo è stato a Roma per la consegna delle oltre 110.000 firme raccolte, a fronte di un obiettivo iniziale di 50.000. Questo risultato è la prova di una partecipazione importante e massiccia dei cittadini italiani che vogliono davvero un’integrazione nella società.

“Ci piacerebbe che la volontà che i cittadini italiani hanno dimostrato con la raccolta di firme non fosse un punto di arrivo, ma parte di un percorso che stiamo ancora costruendo e vogliamo costruire con gli stranieri che oggi vivono nel nostro territorio e affrontano, come noi, i problemi del mondo del lavoro e della società, ma con una difficoltà in più: la diffidenza”, afferma la referente regionale di Libera Paola Senesi.

“Siamo convinti che una società che vuole definirsi civile abbia bisogno e non possa prescindere da tutte le realtà che vi vivono. Sono l’indifferenza e la non conoscenza a generare paura tra gli individui. Siamo certi che conoscendo le etnie che vivono con noi nei nostri comuni possiamo davvero abbattere i muri della paura e della discriminazione.”

Come ospite d’onore della festa, Papa Waigo racconterà la sua esperienza e lancerà un torneo di calcio multietnico in programma nei mesi di aprile e maggio nella provincia di Ascoli Piceno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 440 volte, 1 oggi)