ASCOLI PICENO – Una donna 84enne di San Benedetto, proprietaria di ben nove appartamenti situati nel centro di Ascoli Piceno, non si è fatta scrupolo di eludere una massa impositiva all’Erario per 112 mila euro e violazioni all’imposta di registro per 3 mila 400 euro. Secondo il rapporto delle che hanno diretto l’inchiesta la donna aveva infatti stipulato contratti di locazione, peraltro per la quasi totalità non registrati, a titolo di “usufruttuaria”. Poi cedendoli, in fasi successive, ad alcune società, al fine di evitare, almeno questa era l’intenzione, i gravami dell’imposizione fiscale diretta connessa agli affitti e, contestualmente, consentire alle stesse società di contabilizzare i costi di gestione, con il conseguente abbattimento delle imposte dovute allo Stato. Le attività di polizia economica e finanziaria sono ora rivolte verso le società che hanno beneficiato dei contratti di affitto, anche al fine di individuare gli effettivi soggetti che hanno attuato il piano elusivo per il tramite dell’ottantaquattrenne.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.315 volte, 1 oggi)