ASCOLI PICENO – Purtroppo c’è stato un morto durante una rapina questa mattina, mercoledì 4 aprile, a Monte Urano. La vittima è una rapinatrice che, insieme ad altri due o tre complici, ha fatto irruzione in una gioielleria del centro storico intorno alle 10. Il proprietario, per difendersi, ha preso la propria pistola ed ha sparato colpendola in pieno. Si tratta di una giovane donna di trentasei anni, di origini napoletane ma residente nella zona. Sul posto sono presenti i Carabineri.

Dalle prime ricostruzioni pare che i tre banditi (oltre alla donna due uomini), a viso scoperto e fingendosi clienti, si siano introdotti nel negozio chiedendo di vedere alcuni oggetti. Una volta dentro hanno però colpito alla testa con il calco di una pistola il propietario del negozio, Francesco Cifola di 51 anni,  e lo hanno poi legato ad una sedia. Non riuscendo però ada prire da soli la cassaforte per prelevare il contenuto, i tre rapinatori sono stati costretti a slegare l’uomo per far aprire a lui la serratura.

Mentre stavano portando a termine il colpo, sarebbe sopraggiuntol’anziano padre del titolare, che i banditi hanno tentato di tirare all’interno del negozio; ne è nata un piccola colluttazione, l’anziano è caduto, e nel frattempo Francesco sarebbe riuscito a prendere la propria pistola da sotto il bancone e sparare ai banditi in fuga. Mentre la donna è stata colpita in pieno ed è morta sul colpo,  gli altri due, avrebbero sparato alcuni colpi per poi  fuggire su un auto guidata da un’altra donna.

I Carabninieri hanno posizionato diversi posti di blocco e stanno monitorando la zona con un elicottero. I rapinatori erano a viso scoperto, vestiti di nero e uno di loro avrebbe avuto accento partenopeo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.218 volte, 1 oggi)