OFFIDA – Senso della Patria, virtù civili e sociali. Questi sono i valori che si propone di promuovere il “Premio Nazionale Righetto” che ogni anno premia delle scuole italiane. Per l’ottava edizione sono state scelte le classi quarte e quinte della Scuola Primaria dell’Istituto Scolastico Comprensivo (Isc) “Ciabattoni”.

Il 14 aprile, alle ore 10, nella Sala Consiliare del Comune di Offida si svolgerà la premiazione.

Si tratta di un prestigioso premio che riempie di orgoglio i docenti dell’Isc e tutta la città di Offida. Un riconoscimento ambito e legato al concorso nazionale indetto dall’Associazione Culturale “Gli amici di Righetto” di Roma per ricordare la figura del dodicenne Righetto, simbolo dei ragazzi caduti in difesa della Repubblica Romana del 1849 e al quale è stato dedicato un monumento sul Gianicolo.

La partecipazione era riservata a progetti creativi di classe elaborati dagli studenti delle scuole d’Italia di ogni ordine e grado, incentrati sul patrimonio risorgimentale italiano storico e culturale con particolare riferimento alla Repubblica Romana del 1849, ai ragazzi combattenti e all’Unità d’Italia. Il concorso si articolava nelle sezioni di ricerca storica, poesia, pittura, fotografia, fumetti, teatro, musica, filmati, danza, multimedialità.

L’Isc di Offida ha partecipato inviando il cd della commedia musicale “Rinaldo in campo portata in scena dai piccoli attori delle classi quarte e quinte, nel mese di aprile dello scorso anno al Teatro Serpente Aureo. Gli alunni, che compongono la compagnia teatrale “Giannino Stoppani”, sono stati preparati dalle insegnanti Valeria Valentini e Nella Cozzolino. Il loro lavoro ha saputo cogliere lo spirito del concorso indetto per il 2012 che intendeva celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia.

“Un premio nazionale questo che onora la nostra città e la nostra scuola – ha commentato il Sindaco Valerio Lucciarini. – Un grazie sentito agli insegnanti e agli alunni che, attraverso esperienze didattiche, riescono ad arrivare a risultati veramente encomiabili. Con il loro paziente lavoro dimostrano come la scuola non sia soltanto un luogo di obblighi, ma un momento di confronto e di creatività”.

Alle parole del primo cittadino si sono unite quelle del dirigente scolastico Giovanni Isopi che vede in questo riconoscimento una ulteriore crescita qualitativa dell’intero istituto scolastico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 371 volte, 1 oggi)