ASCOLI PICENO – Sabato 21 aprile alle 17 alla libreria Rinascita si parlerà di “Scie chimiche” con Carlo Cruciani  di CRiVeO (Centro Ricerche Verità Occultate -Tanker Enemy Marche), Amedeo Ciccanti, onorevole e promotore di alcune interrogazioni parlamentari in materia e Rosario Marcianò (comitato nazionale di Tanker Enemy), collegata in video-conferenza.

Nel corso dell’incontro dal titolo ”Fermiamo le Scie Chimiche, veleni in cielo e malattie sulla Terra”, i relatori cercheranno di informare i presenti su attività di origine militare che influenzano pericolosamente le condizioni climatiche e ambientali del nostro paese con conseguenze dannose sia per la salute di tutti noi che per la nostra agricoltura.

Secondo gli organizzatori la popolazione è tenuta all’oscuro degli esperimenti di geo ingegneria e delle loro deleterie conseguenze sull’ambiente: la straordinaria siccità di questi mesi, le temperature anomale per la stagione e il cielo offuscato da nubi artificiali sarebbero solo alcune delle visibili modifiche climatiche imputabili a queste attività.

Il fenomeno delle scie chimiche ha iniziato a  manifestarsi nei nostri cieli sul finire degli anni ’90. Le scie sono prodotte da aerei non identificabili che viaggiano a quote tra i 1600 e i2300 metri di altitudine. Questi gas persistono per ore nell’atmosfera, a volte, fino a velare la luce solare.

Da analisi eseguite su campioni di pioggia e neve, raccolti dopo consistenti irrorazioni, risultano contenere sali quali il bario, l’alluminio e altri metalli pesanti. Tutte sostanze molto dannose sia per la salute delle persone che per l’ambiente.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 875 volte, 1 oggi)