ASCOLI PICENO – Riceviamo e di seguito pubblichiamo un comunicato di Unione Comunale PD, Gruppo Giovani Democratici di Ascoli e Gruppo Consiliare in merito alle commemorazioni del 25 aprile.

“L’Unione Comunale del Partito Democratico di Ascoli, il Gruppo Consiliare Comunale e la Sezione Comunale dei Giovani Democratici si fanno interpreti della preoccupazione di tanti cittadini per il grave episodio di intolleranza che ancora una volta offende la Storia e la dignità della nostra città, profondamente legata ai valori della democrazia nata sulle macerie del nazifascismo, grazie al sacrificio di tanti partigiani.

L’imbrattamento di manifesti a ricordo del 25 aprile con svastiche non solo denota inciviltà e mancanza di rispetto ma è segno della non appartenenza di alcuni alla comunità ascolana, che fonda la sua identità nei valori della democrazia e della tolleranza e condanna il fascismo come ideologia di oppressione e violenza.

Ciò che più ci inquieta è il silenzio assordante su questi temi, dell’amministrazione comunale e del suo massimo rappresentante, il Sindaco Guido Castelli; un silenzio e un’assenza che non possono passare inosservati e che, nel loro perdurare, possono apparire come indifferenza ai principi base del nostro essere comunità cittadina; stiamo ancora aspettando un suo giudizio chiaro sul titolo mistificatorio e provocatorio della mostra denominata “Ascoli città fascista”; oggi notiamo con dispiacere che questa Amministrazione, così sensibile all’ esposizione mediatica e presente sempre in gran numero alle più varie manifestazioni flolkloristiche, non ha presenziato all’inaugurazione della mostra “Fascismo e resistenza”, organizzata dall’ Istituto di Storia contemporanea, in ricordo del decennale della visita di Carlo Azeglio Ciampi che onorò tutti gli ascolani con la medaglia d’oro al valor militare per Attività Partigiana.

Ci aspettiamo che almeno su quest’ultimo atto di intolleranza e inciviltà il Sindaco riesca a trovare parole nette di condanna che ci tranquillizzino sulla sua adesione, personale e isituzionale, ai valori dell’antifascismo, che sono fondanti della città che ha l’onore e il dovere di rappresentare”.

Giuseppe Pizi e l’Unione Comunale PD Ascoli Piceno

Francesco Di Vita e i Giovani Democratici di Ascoli

Stefano Corradetti e il Gruppo Consiliare

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 346 volte, 1 oggi)