ASCOLI PICENO – La città delle cento torri omaggia l’arte della ceramica. Il 1° maggio alle ore 12 saranno consegnati presso il Palazzo dei Capitani del Popolo i  premi e le menzioni d’onore assegnati ai ceramisti vincitori del 2° concorso biennale internazionale “Ceramica, fra tradizione e modernità”, organizzato dall’amministrazione comunale in collaborazione dell’assessorato alla Cultura della Provincia di Ascoli Piceno.

Più di cinquanta ceramisti provenienti dalle più importanti città della ceramica italiane ed un nutrito manipolo di artisti francesi, egiziani e tedeschi hanno partecipato al concorso per il quale dovevano presentare un pezzo chiuso decorato con un soggetto dedicato al centocinquantenario dell’Unità d’Italia: l’iniziativa, per il suo alto valore artistico e culturale, ha meritato l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e si inserisce nell’ambito di un più vasto progetto di valorizzazione della ceramica d’arte che vede presenti dal 29 aprile al 1 maggio in Piazza del Popolo i ceramisti che partecipano alla quinta edizione di CeramicAscoli.

Prima della premiazione, a partire dalle ore 9,30 si svolgerà il convegno “Promozione, tutela e sviluppo delle produzioni ceramiche artistiche e tradizionali”, nel quale sono previsti gli interventi  di vari esperti nel campo della ceramica d’arte,  del console di Cipro, Giorgio Phellas e di vari rappresentati del Ministero per lo Sviluppo Economico, del Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza e della Associazione Italiana Città della Ceramica. Dopo la consegna del premio, si inaugurerà presso il Museo dell’Arte Ceramica  in piazza san Tommaso la esposizione delle opere selezionate e premiate dalla giuria del concorso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 449 volte, 1 oggi)