ASCOLI PICENO – E’ stata posticipata di un mese, dal primo maggio al primo giugno, la data di inizio della raccolta del Tartufo nero d’estate o “scorzone”. La decisione è stata presa dalla Provincia, in ossequio al parere del “Centro Sperimentale di Tartuficoltura” di Sant’Angelo in Vado (Pu) e agli atti deliberativi delle Comunità Montane del Tronto e dei Sibillini.

Alla base del provvedimento, non solo l’opportunità di salvaguardare la specie Tuber aestivum Vitt, (specialmente delle tartufaie naturali), ma anche di poter commercializzare al meglio un prodotto la cui raccolta, nelle Regioni limitrofe, è posticipata rispetto al calendario vigente nella Regione Marche.

Restano invariati invece i periodi di raccolta relativi alle altre specie: dal 1° ottobre al 31 dicembre: Tuber Magnatum Pico (tartufo bianco); dal 1° dicembre al 15 marzo: Tuber Melanosporum Vitt. (tartufo nero pregiato); dal 1° gennaio al 15 marzo: Tuber Brumale var. uncinatum De Ferry (tartufo moscato); dal 1° ottobre al 31 dicembre: Tuber Aestivum var. uncinatum Chatin (tartufo uncinato); dal 1° gennaio al 15 marzo: Tuber Brumale Vitt. (tartufo nero d’inverno o trifola nera); dal 15 gennaio al 30 aprile: Tuber Borchii Vitt. o Tuber Albidum Pico (tartufo bianchetto o marzuolo); dal 1° ottobre al 31 dicembre: Tuber Macrosporum Vitt. (tartufo nero liscio); dal 1° ottobre al 31 gennaio: Tuber Mesentericum Vitt. (tartufo nero ordinario).

Per informazioni e ulteriori chiarimenti è possibile rivolgersi agli uffici del Servizio Risorse Naturali – Caccia e Pesca della Provincia – Via Marche (Zona Pennile di Sotto) – Ascoli Piceno – Tel. 0736/277703 o 0736/277713.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 929 volte, 1 oggi)