ASCOLI PICENO – Peppino Impastato unisce ciò che la politica e il suo passato ha spesso diviso; e non potrebbe essere altrimenti, trattandosi di un eroe, o un martire, dei tempi moderni.

Così Casapound Ascoli Piceno accoglie favorevolmente la proposta dei Giovani Democratici, indirizzata all’amministrazione comunale, ovvero dedicare una via, o una piazza o la sede di un luogo di cultura alla memoria di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia tra l’8 e il 9 maggio 1978,

“CasaPound è d’accordo con questa iniziativa, in quanto è dovuto il rispetto ad un martire per la giustizia – scrive Giorgio Ferretti, responsabile regionale di Casapound – Nonostante avesse fatto un percorso politico opposto al nostro ci sentiamo in dovere di ricordarlo per il suo coraggio che lo portò non solo a non scappare dalla Sicilia e rimanere, ma addirittura a ribellarsi apertamente al dominio mafioso con irriverenza e goliardia. Un esempi.o che va all’opposto delle categorie umane del ma-chi-te-lo-fa-fare e lascia-perdere-tanto-non-cambia-nulla, ed è questo che maggiormente colpisce di lui. Un esempio che non solo va ricordato ma incoraggiato tra i giovani che invece sempre più spesso sono costretti ad andarsene dai territori dove la malavita organizzata spadroneggia. Per questo ci auguriamo che l’Amministrazione, il Consiglio Comunale e il Sindaco accolgano la mozione presentata dall’opposizione”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 298 volte, 1 oggi)