ASCOLI PICENO – Con l’attenzione di media e tifosi centralizzata su deferimenti e intercettazioni telefoniche, l’Ascoli si appresta a disputare la terz’ultima giornata di campionato. Allo stadio ‘Franco Ossola‘ di Varese, gli uomini di Silva si scontreranno con la truppa di Maran, quinta forza del campionato e ad un passo dalla matematica certezza di disputare i play off. Non una gara facile, sulla carta, ma l’Ascoli di questi tempi (una sola sconfitta nelle ultime 8 gare, con 17 punti conquistati) riesce a non temere nessuno.

Dopo la rifinitura di questa mattina, Silva ha portato in Lombardia 19 giocatori: non ci sono Peccarisi, fuori per oltre una settimana a causa dello stiramento ad un flessore, Romeo e Ilari. Torna, invece, dopo oltre due mesi, Leandro Vitiello. Dubbi di formazione, dunque, per Silva: uno in difesa, dove Andelkovic e Giovannini si contendono il ruolo di terzino, e uno a centrocampo, dove l’unico certo di giocare sembra Alessandro Sbaffo. In attacco, invece, si va verso la conferma del duo Papa Waigo – Soncin, ma all’ultimo potrebbe essere inserito uno tra Gerardi e Falconieri. Sulla sponda biancorossa, Maran punterà su Neto Pereira e Granoche, con De Luca in panchina.

Arbitrerà la sfida Tommasi di Bassano del Grappa. All’andata, invece, il risultato fu di 0-0. La storia, infine, può raccontare una sola vittoria bianconera sul campo del Varese, giunta oltre trent’anni fa: era la stagione 1977/78, quella del record in B di Renna, e il Picchio si impose sui lombardi per 3-0, grazie alle reti di Ambu, Moro e Greco. Negli altri 5 precedenti, tre le vittorie varesotte.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 167 volte, 1 oggi)