VENAROTTA – Il paese sapeva, o forse intuiva. Vai in giro a Venarotta e la vicenda del pedofilo la conoscono tutti. Anzi, la conoscevano. Sapevano insomma che l’uomo, pur se sposato e con figli, avesse un problema. Frequentava la Chiesa come diacono, e attorno alla parrocchia di Venarotta ora appare una pericolosa ombra.
Quarantasette anni e non 55 come inizialmente diffuso, l’uomo è accusato di abusi sessuali su due minori, di 16 e 14 anni, sottomessi a livello psicologico. La vicenda con il sedicenne sembra si sia definitivamente interrotta un anno e mezzo fa, mentre tutto è emerso a causa di quanto accaduto al quattordicenne, che negli ultimi tempi aveva un comportamento anomalo a scuola, notato dai professori, che lo hanno aiutato a dire la verità, fino all’azione della Squadra Mobile di Ascoli. Da parte del Gip Carlo Calvaresi, per ora, massimo riserbo.

Della questione si sta occupando l’avvocato Vittorio D’Angelo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.021 volte, 1 oggi)