COMUNANZA – Le “Nuove tendenze del turismo di montagna” e le possibili prospettive di sviluppo dell’entroterra sono stati al centro di un’importante tavola rotonda promossa nell’ambito del Festival dell’Appennino tenutasi ieri all’auditorium “Luzi” di Comunanza. All’iniziativa, promossa dalla Provincia insieme al consorzio Sorgenti Comuni Scarl, in occasione del 4° “Forum sui Sibillini”, hanno preso parte numerosi amministratori locali, professionisti del settore turistico montano ed esperti della materia. Ad aprire i lavori è stato il sindaco Annibali, che dopo aver salutato le autorità presenti, ha ringraziato la provincia, per la grande attenzione verso un territorio come quello montano “ricco di risorse e di preziose idee per il concreto rilancio economico del contesto locale”.

Ha preso il via il ciclo di tre dibattiti moderati dalla giornalista Natalia Encolpio. Al primo hanno preso parte, tra gli altri, l’Assessore provinciale alla Cultura Andrea Maria Antonini, il presidente del BIM Tronto Luigi Contisciani, Pio Antognozzi di Sorgenti Comuni e la dottoressa Domenica Costantini della Facoltà di Economia “G.Fuà”, che ha relazionato su contenuti e statistiche della scorsa rassegna patrocinata quest’anno dal Ministero dell’Ambiente. Assente per impegni professionali il prof. Gregori che ha inviato i suoi saluti a tutti i presenti.

Al secondo confronto, volto a spiegare più nei dettagli progetti e azioni dirette “Verso una nuova governance del Turismo”, hanno partecipato il Presidente della Provincia Celani, il dirigente del Servizio Turismo della Regione dottor Pietro Talarico, l’imprenditore Simone Mariani (vice presidente di Sorgenti Comuni), Silvio Antognozzi (presidente dell’Associazione Operatori turistici delle Marche Experience), Ascensio Santini (presidente dell’Associazione “Terre delle Meraviglie”) e il dirigente della Provincia dottor Domenico Vagnoni dell’Ufficio “Marketing”.

“Occorre guardare con fiducia il futuro del turismo del Piceno, in particolare quello montano – ha esordito il Presidente Celani – a confortarci infatti sono le cifre che testimoniano come in realtà economiche in fortissima espansione, come Russia o Cina o in quelle da sempre ai primissimi posti, come Usa e Canada, c’è una grandissima sete di turismo di qualità, di forme di accoglienza di livello, di strutture recettive di valore, di eccellenze paesaggistiche, naturali e storiche. Requisiti che il Piceno può e deve rivendicare proseguendo tutti insieme sulla via della collaborazione tra costa ed entroterra”. A chiudere il ricco programma di giornata è stata la sezione incentrata sulla conoscenza delle migliori azioni (“best practice”) per la promozione turistica alla presenza di esperti e professionisti.

A conclusione dei lavori una degustazione di prodotti tipici e il concerto della “Marche Big Band” diretta dal maestro F.Sabatini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 330 volte, 1 oggi)