ASCOLI PICENO – L’onorevole Luciano Agostini ha predisposto un’ interrogazione parlamentare rivolta al Ministero dello Sviluppo Economico affinché possa esser convocato al più presto un incontro per fare maggiore chiarezza sulla spinosa vicenda della VisAgro, la nota azienda con sede a Rotella che trasforma prodotti alimentari freschi e surgelati.

L’interrogazione nasce su sollecitazione del direttivo del Partito Democratico di Rotella e su indicazione del segretario di circolo Giovanni Borraccini il quale ha palesato preoccupazione per la vicenda che negli ultimi mesi ha interessato la nota azienda situata nel territorio rotellese.

Durante una partecipata riunione del direttivo locale alla presenza dello stesso segretario comunale Borraccini, del segretario di Federazione Antimo Di Francesco e della segretaria organizzativa provinciale Anna Casini, il deputato del Pd ha illustrato i contenuti dell’interrogazione che ha indirizzato al Ministero dello Svluppo Economico

In particolare il deputato chiede un incontro alla presenza dei liquidatori intervenuti dopo la dichiarazione dello stato di crisi fallimentare, delle rappresentanze sindacali, della ex proprietà per verificare la veridicità e la reale sussistenza delle notizie sull’interessamento di possibili acquirenti e dei conseguenti piani industriali al fine del mantenimento dei livelli occupazionali. La VisAgro per trenta anni  ha rappresentato un’ importante realtà per il territorio dando occupazione a 85 dipendenti  a tempo indeterminato e oltre 70 stagionali. Un’ impresa la cui esistenza ha riflesso sull’indotto del comparto agricolo determinando una possibilità di reddito non indifferente.

 

“So quanto e importante l’azienda per l’economia della zona – ha esordito il deputato durante la riunione con i membri del direttivo del Pd di Rotella – per questo dopo un incontro interlocutorio con i sindacati ho predisposto questa interrogazione. Comprendo come non sia un’interrogazione ciò che può risolvere la situazione, ma spero almeno che sulla base di questa si possa istituire un tavolo con il Ministero dello Sviluppo Economico per avere chiarimenti sulla situazione reale. Il settore agroalimentare – ha proseguito Agostini – sembra reggere in diverse realtà  nonostante la crisi e magari un’ iniziativa di questo tipo può costruire un percorso per verificare se sia perseguibile ad esempio la strada della cooperativa dei dipendenti. Ben venga questa ipotesi ma occorre poi trovare commesse e quindi renderla una soluzione effettiva. Allo stesso modo – conclude l’onorevole del Pd – è necessario valutare eventuali possibili acquirenti per cercare di mantenere una realtà imprenditoriale così importante come la VisAgro. Auspico che questa iniziativa possa dare il via ad un percorso condiviso, un confronto che dia buoni frutti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 438 volte, 1 oggi)