ASCOLI PICENO – E’ successo poco dopo l’una di notte, tra sabato e domenica. Grazie ad alcune testimonianze raccolte sul posto, in un’operazione congiunta di carabinieri e polizia municipale, è stata ricostruita la dinamica dei fatti, secondo cui G.N., originario di Ascoli, era alla guida di una macchina di grossa cilindrata e, probabilmente ubriaco, a causa della forte velocità, finisce violentemente contro il ponte di Tufilla, nella zona di Campo Parignano.

La corsa sfrenata del veicolo termina schiantandosi contro il parapetto di travertino, ma nonostante l’impatto violentissimo il conducente sembra essere rimasto incolume, riuscendo a dileguarsi subito nella notte. Ingenti i danni procurati alla struttura, prontamente transennata dagli uomini dell’amministrazione comunale già nella giornata di ieri.

La caccia all’uomo è cominciata subito, e dopo poche ore le forze dell’ordine sono riuscite  a scovare l’auto, una Mercedes nera, grazie alla scia d’olio persa dal motore del veicolo in seguito al violento impatto. Glia agenti seguono le tracce fino a Vallesenzana, dove il veicolo era stato abbandonato; e grazie al numero di targa riescono a risalire a G.N. che ora dovrà risarcire gli ingenti danni arrecati al ponte, messo già in sicurezza stamane dai tecnici dei Lavori Pubblici del Comune.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 455 volte, 1 oggi)