ASCOLI PICENO – Antonio D Ferdinando, amministratore delegato di Conad Adriatico, ha presentato alla stampa la storia di un successo aziendale. La conferenza si è svolta nella sala degli Stemmi di palazzo dei Capitani, ieri mattina, 5 giugno 2012. La scelta di Ascoli per celebrare l’anniversario, non è casuale: “Siamo un’azienda che nasce qui – ha affermato l’amministratore delegato di Conad – e qui intendiamo investire e crescere”.

“La nostra è una storia di successo perché vincente è questo modo di fare impresa. Conad ha sposato il modello del cooperativismo, in cui la responsabilità sociale si sposa con l’efficienza imprenditoriale – ha proseguito Di Ferdinando – “Abbiamo scelto di mettere al centro delle nostra azienda la persona, non il capitale”.

Certo ascoltare questo tipo di affermazioni, in un momento economico così difficile fa molto effetto; in un periodo caratterizzato quasi esclusivamente da imprese in crisi o sull’orlo del baratro sentir parlare di crescita, sviluppo e assunzioni basta da solo a far alzare il grado di attenzione di tutti.

“I nostri soci sono anche i nostri  primi clienti, la valorizzazione delle persone e la motivazione che siamo riusciti a trasmettere ci ha portato a risultati eccezionali – e cita i numeri l’amministratore – con 68 punti vendita e 152 fornitori agroalimentari locali nelle province di Ascoli, Fermo e Macerata, prevediamo nel 2012 un fatturato pari a 91,106 milioni di euro (+21% rispetto al 2011), Conad Adriatico si afferma così come la prima impresa della regione nella distribuzione e la seconda in valore assoluto solo dopo la Merloni”.

“Ma Conad non è solo vendita – prosegue Di Ferdinando – investiamo ogni anno in ricerca e sviluppo, cerchiamo di dare molta importanza alla qualità e alla provenienza dei prodotti, stiamo cercando di valorizzare le produzioni locali e di portarle in tutta Italia. Un esempio ne sono i “maccheroncini di Campofilone, un prodotto di “nicchia” che viene distribuito a livello nazionale nei nostri punti vendita”.

E Conad è anche beneficenza; una raccolta continua di generi alimentari viene fatta nei supermercati e donata alla Caritas. A queste donazioni si è affiancata, recentemente, una originale iniziativa sempre in collaborazione con la Caritas; la creazione di un supermercato per le persone in difficoltà economica. I clienti, muniti di una particolare tessera possono prendere solo i prodotti di cui necessitano e non essere  sommersi di generi indistinti che, a volte, nonostante siano donati con tanta buona volontà, sono praticamente inutili.

Il Gruppo ha ribadito, con dati alla mano, la volontà di mantenere le radici nella terra d’origine, nel 2012 investirà nelle tre province 9 milioni di euro, grazie anche all’acquisizione dei punti vendita Billa (ex Standa). Oltre ai 3 punti vendita acquisiti (Recanati, San Benedetto, Ascoli dove il cambio insegna è previsto per il prossimo 13 giugno) ne saranno aperti altri 2 il cui fatturato potenziale è stimato per oltre 25 milioni di euro con 130 occupati. L’obbiettivo è quello di raggiungere nei prossimi due anni nella nostra regione il 10% della quota di mercato, oggi Conad è al 7%. In questo giocherà un ruolo importante l’acquisizione dei punti vendita Billa (ex Standa), così il gruppo arriverà nel “cuore di Ascoli”.

Con questi numeri è difficile non credere a Di Ferdinando quando ha affermato che: “I valori  del modello cooperativo sono la garanzia per un auspicabile futuro migliore per le nuove generazioni anche qui nelle Marche”.

Durante l’incontro sono state presentate anche le iniziative legate alle celebrazioni del quarantennale di Conad. L’anima dell’anniversario sarà il convegno al teatro Ventidio Basso di domenica 10 giugno alle ore 9:30. Interverrà alla manifestazione un testimonial d’eccezione: lo storico allenatore della nazionale azzurra Arrigo Sacchi. A seguire una lectio magistralis sul cooperativismo con Tito Boeri, professore ordinario di Economia del lavoro alla Bocconi di Milano.

Dopo la conferenza è stata inaugurata da Castelli, sindaco di Ascoli, nella sala Cola dell’Amatrice, la mostra fotografica itinerante “Italiani nel dettaglio”. All’interno della mostra – che sarà aperta al pubblico fino al 13 giugno – viene ospitata una speciale sezione tematica dedicata a “40 anni insieme, 1972-2012” di Conad per celebrare le principali tappe di una lunga storia di successi.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.329 volte, 1 oggi)