ASCOLI PICENO – Emilio Fede, Augusto Minzolini, Mercello Veneziani, Magdi Allam, Vittorio Sgarbi, sono questi alcuni dei nomi che circolano riaguardo l’organizzazione di un festival culturale ad Ascoli per quest’estate, ed è riguardo a questi nomi che i giovani democratici del Pd, chiedono spiegazioni alla giunta comunale.

“L’impressione, più volte ribadita dai Giovani Democratici – afferma Francesco Ameli facente parte la direzione nazionale dei Giovani Democratici – è che l’amministrazione stia compiendo una riorganizzazione culturale ispirata ad una visione politica limitata e miope che rischia di arrestare il già labile fervore culturale della città; una strategia, questa, volta a creare consenso attorno al sindaco ma incapace di aggiungere valore turistico e economico alla città”.

“Noi vogliamo rivolgerci ai nostri coetanei – prosegue Ameli -, ai giovani che siedono in consiglio comunale, per conoscere la loro opinione su questa iniziativa e per sapere se pensano, come noi auspichiamo, che sia giunto il momento di progettare finalmente una nuova visione di città che sappia mettere al centro le nuove generazioni, con un festival culturale di qualità che ogni anno valorizzi le nuove eccellenze locali e nazionali. Scriviamo questo perché siamo convinti che ci sia bisogno di guardare oltre il breve periodo: non basta l’iniziativa Artap per cambiare la città”.

Inoltre viene anche ribadita la proposta fatta sempre dai Giovani Democratici nella scorsa tornata elettorale, cioè quella di creare nel centro cittadino, più precisamente nella “location” dell’ex cinema Olimpia, un polo culturale e giovanile, che possa essere fucina di iniziative e di qualità nonchè luogo di divulgazione e produzione culturale della città.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 470 volte, 1 oggi)