ASCOLI PICENO – Il Presidente della Provincia Piero Celani e l’Assessore alla Viabilità Pasquale Allevi fanno il punto su una serie di interventi strategici per l’assetto viario del Piceno, con investimenti di svariati milioni di euro e la possibilità quindi di favorire il rilancio dell’economia locale. Tutto ciò a cominciare dal terzo lotto della Mezzina che ha visto la scorsa settimana la firma della convenzione conla Regione Marche per un finanziamento di ben 10 milioni e 25 mila euro.

“Questa Amministrazione ha conseguito per il territorio un risultato importantissimo – ha dichiarato il Presidente Celani – assicurando un finanziamento che era a rischio tagli ed ottenendo dalla Regione l’anticipo dell’80% dell’importo non appena saranno assegnati i lavori, con evidenti vantaggi in termini di risparmi e di disposizione di liquidità. E’ in corso la progettazione effettiva dell’opera che vorremmo concludere entro la fine dell’anno per appaltare a primavera ed accelerare così i tempi di realizzazione”. Celani ha fatto anche cenno al completamento del secondo lotto della Mezzina che ha visto l‘ammodernamento in sede del tracciato, accompagnato da varianti migliorative e che sarà ultimato a fine luglio con una sobria inaugurazione.

In arrivo l’adozione definitiva della variante, da parte di Piceno Consind, dell’intervento che prevede il miglioramento dell’intersezione fra la S.P.3 Ancaranese, la S.P.43 Mezzina e l’asse attrezzato del Nucleo di Industrializzazione della Valle del Tronto, con la possibilità di appaltare i lavori entro la fine dell’anno con un investimento di circa 900 mila euro. Approvato il progetto definitivo del 2° lotto ed avviati i lavori del 1° lotto per la sistemazione del viadotto sul fiume Tronto sulla S.P. 235 – Circonvallazione Nord di Ascoli: “si tratta di un importate restauro del ponte che costituisce un collegamento strategico per la viabilità del capoluogo Piceno con un investimento complessivo di 500 mila euro”, ha sottolineato con soddisfazione il Presidente Celani.

Il Presidente ha poi ricordato che si sta lavorando a pieno ritmo per l’ampliamento del ponte ferroviario sul Tronto che consentirà di aumentare la sicurezza idraulica del comprensorio per un importo di 4 milioni e 800 mila euro con la possibilità, sempre a fine 2012, di posizionare il monolite sotto la ferroviaria.

L’Assessore Allevi ha evidenziato gli interventi previsti per nel piano delle opere pubbliche nella zona montana con i lavori per l’allargamento di curve della S.P. 237 in direzione di Roccafluvione con un investimento di circa 650 mila euro, e un altro analogo intervento di miglioramento in direzione Comunanza per un importo complessivo di oltre 400 mila euro, opere strutturali con sensibili benefici per il comprensorio in termini di sicurezza e di fluidità del traffico. L’Assessore ha anche ricordato che la Provincia assumerà con un mutuo risorse per 1 milioni e 600 mila euro per l’esecuzione di lavori di asfaltatura e manutenzione straordinaria di numerose strade provinciali tra cui quelle colpite dall’alluvione del marzo 2011, ed anche annunciato interventi per 150 mila euro per la posa in opera e il miglioramento della segnaletica stradale.

Il Presidente Celani ha inoltre ribadito l’impegno per la bretella di S. Benedetto, con la costituzione di un gruppo di lavoro, insieme all’Anas e con il Comune di San Benedetto, per gli aspetti urbanistici per valutare un’ipotesi condivisa ed arrivare così rapidamente alla definizione del progetto preliminare per il primo tratto della circonvallazione da Ragnola a Via Carnia. Infine l’annuncio della consegna ufficiale dei lavori il 4 luglio dell’elettrificazione del tratto ferroviario da Castel di Lama ad Ascoli, e la realizzazione della cabina elettrica a P.to D’Ascoli per dare corrente in attesa della realizzazione della sottostazione di Centobuchi.

Al di là di questi interventi, che sicuramente sono importanti per il territorio dal punto di vista infrastrutturale – ha concluso il Presidente Celani –, ci si augura che i fondi messi a disposizione possano essere utilizzati anche dalle imprese locali per dare linfa all’ economia, soprattutto al comparto delle costruzioni e delle infrastrutture che, in questo periodo, soffre in maniera particolare la crisi economica”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 249 volte, 1 oggi)