ASCOLI PICENO – “Il Governo taglia le risorse alle farmacie mettendo in pericolo l’assistenza farmaceutica al cittadino, senza però intervenire sugli sprechi della sanità pubblica”. E così la Federfarma e gli operatori del settore faranno sentire la loro voce contro i tagli operati dal Governo, aderendo allo sciopero indetto a livello nazionale.

Giovedì, 26 luglio, le farmacie abbasseranno le serrande per protestare contro “gli ulteriori ed insostenibili tagli contenuti nel decreto legge spending review. La nostra protesta – spiega il presidente di Federfarma della provincia di Ascoli, Giovanni D’Aurizio – è finalizzata a tutelare anche i diritti dei cittadini che devono poter continuare a disporre dei farmaci necessari per la loro salute, e permettere alla farmacia di continuare a svolgere la propria importante funzione di primo presidio sanitario”.

Nel corso della giornata di protesta la Federfarma di Ascoli assicurerà, comunque, il servizio farmaceutico dalle farmacie di turno. Verranno, infatti, mantenute operativi i servizi sostitutivi, per arrecare meno disagio possibile alla popolazione. Attivo in provincia di Ascoli il servizio SMS Farmacia: inviando un sms la numero 3393383758 si possono ottenere le indicazioni sulla farmacia di turno più vicina.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 267 volte, 1 oggi)