ASCOLI PICENO – Ad una settimana esatta dalla scomparsa di Luca Santarelli, il trentenne di Cesenatico disperso durante un’escursione sui Monti sibillini, emerge una traccia. Poche ore fa, infatti, quindi nel pomeriggio di domenica 16 settembre, è stato rinvenuto un indumento del giovane escursionista  (sembra si tratti di un giubbino antipioggia) lungo un tratto che delimita le sorgenti del fiume Tenna, poco distante dalla Gola dell’Infernaccio. E’ tutto ancora in fase di verifica, ma pare che l’indumento sia stato riconosciuto anche dai genitori del ragazzo.

Le ricerche di Luca Santarelli stanno impegnando un centinaio di uomini tra Vigili del Fuoco, Carabinieri, Soccorso Alpino (Marche e Umbria), Protezione Civile, oltre alle unità cinofile e un paio di elicotteri che dall’ 8 settembre scorso monitorano costantemente tutta l’area del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Da questo momento in poi le ricerche si concentreranno in particolar modo nella zona in cui è stato rinvenuto l’indumento, con una particolare attenzione alle Gole dell’Infernaccio fino a Capotenna.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.286 volte, 1 oggi)