ASCOLI PICENO – Inauguriamo con questo articolo la “Finestra su Facebook” di PicenoOggi.it. Daremo spazio a ciò che avviene nel social network specialmente quando di interesse pubblico. Ricordiamo ai lettori che è possibile scrivere direttamente a info@picenooggi.it per segnalare argomenti degni di approfondimenti.
Per diventare amici di PicenoOggi.it su Facebook, clicca qui.

Scrive Giovanni F. sulla bacheca del sindaco di Ascoli Guido Castelli
Buongiorno signor Sindaco.
Oggetto: Rotatoria uscita di Porta Cartara autostrada Ascoli-mare.

Porgo una semplice domanda:

Ma nel tratto di 150 metri dove si svolgono realmente i lavori della rotatoria, non era possibile mettere un semaforo mobile (come generalmente si fa), per evitare che quelli che vengono da: Vallecastellana, Castel Trosino, Porta Cartara, debbano per forza arrivare e passare per il centro per andare verso via Napoli e zone limitrofe e/o a prendere la superstrada verso il Marino?… In occasione della manifestazione della Notte Azzurra per lo Sport, la fila di macchine iniziava prima dell’Università di architettura, e dovendo andare verso via Napoli capite benissimo il disagio intercorso… Ripeto la mia è una semplice domanda: grazie anticipatamente per la (semplice) risposta.

Risponde il sindaco di Ascoli: gentile signor Fusco, il dirigente competente e il responsabile dei lavori, su nostra sollecitazione hanno sconsigliato quanto da lei ipotizzato (e anche da me) proposto. In effetti i disagi sono tanti e, parte di essi, derivano dall’inflessibilità dell’Anas rispetto alle modalità di esecuzione dei lavori. Sulla questione del semaforo mobile, in particolare, mi è stato fatto osservare che i volumi di traffico provenienti da est sono molto ma molto più ponderosi di quelli provenienti da ovest e che, pertanto, si sarebbe corso il rischio di peggiorare la situazione nei momenti di maggior traffico. A questo riguardo le ricordo che siamo intervenuti rimodulando la gerarchia dei segnali nei semafori de Lu battente e di via Napoli. Mi rendo conto che le difficoltà sono enormi e mi scuso dei fastidi arrecati alla comunità con un cantiere molto importante ma avviato, certamente, con ritardo. I lavori dovevano partire a metà luglio ma Sua Maestà la burocrazia non ci ha permesso di rispettare la tempistica. La ringrazio comunque delle osservazioni. Ora come ora la cosa più importante è che i lavori finiscano quanto prima. L’obiettivo è completare il tutto per la fine di ottobre. Spero il 24. Saluti

Al che Giovanni F. ringrazia “per la chiarezza della sua risposta” mentre Antonio P. osserva amaramente “Sua Maestà la burocrazia, un mostro che tutto rallenta  e tutto complica”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 463 volte, 1 oggi)