ASCOLI PICENO – Dieci anni di vita. Dieci anni di preziosa presenza nel territorio al fianco di chi ha a che fare con la ‘malattia’. E’ questa la ‘mission’ dell’associazione ascolana ‘Hozho Onlus‘, che quest’anno festeggia il decennale dalla sua fondazione. E che, a partire da sabato, celebrerà con incontri ed eventi nella centrale piazza Arringo. Hozho è un termine indiano, esattamente del popolo Navajo degli indiani d’America, ed esprime il concetto intellettuale di ordine, lo stato emotivo di felicità, il concetto morale del bene, la condizione biologica di benessere, la dimensione estetica di equilibrio, di armonia e di bellezza. Tutto questo dopo aver passato ciò che può essere chiamata una prova forte: ovvero, il cancro al seno, scientificamente detto neoplasia mammaria.

Questo pomeriggio, presso la sede del ‘Centro servizi per il Volontariato di Corso di Sotto, è stato presentato il calendario del programma del decennale (vedi la fotogallery). Ed è stato anche l’esordio del nuovo presidente dell’associazione, l’oncologo e primario dell’Ospedale ‘Mazzini’ di Teramo, il dottor Amedeo Pancotti, già compagno di viaggio e prezioso collaboratore delle volontarie e pazienti di Hozho fin dal 2002. “La nascita di questo gruppo di splendide donne è dovuta a scopi ben precisi – afferma il medico – : rompere il muro di silenzio attorno ai malati di cancro, ma anche vivere la grande speranza di guarigione, basata anche sui miglioramenti della medicina“. L’onlus, infatti, non ha il solo, seppur fondamentale, compito di consulenza, ascolto e raccordo con chiunque volesse farne parte o rivolgersi, ma anche quello più generale di sostegno e vicinanza con numerose varie attività organizzate durante tutto il corso dell’anno. E’ lo stesso presidente a rimarcarlo: “Siamo impegnati nell’aspetto, non solo oncologico, ma anche ludico: lo dimostrano i nostri corsi di laboratorio teatrale, di educazione motoria, presto anche di vela. Tutte attività che riportano al concetto di ‘vita’. Perché per vivere e superare la malattia è importante anche ridere“. “Il nostro presupposto è l‘essere aperti a tutti – conclude il dott. Pancotti -, da noi non vigono regole ferree“.

Per addolcire la malattia – spiega una delle volontarie e responsabile economica di Hozho, Ernesta Spinucciè necessario riequilibrare corpo e mente. Senza dimenticare che, a volte, basta un sorriso per trasmettere positività e voglia di vivere. Se siamo qui, a distanza di dieci anni, è grazie ai nostri precedenti presidenti Gabriella Ciannavei e Maria Luisa Cordoni, ma anche all’apporto di medici come Massimo Sartelli, Giuseppe Mercuri e l’attuale presidente Amedeo Pancotti“. Come dicono i dati della settimana scorsa del registro nazionale dei tumori, in Italia ogni giorno mille persone vengono colpite dal cancro. Un dato in aumento rispetto al passato, anche se scende quello relativo alla mortalità. Riguardo le donne, buoni i miglioramenti: l’82 % vive benissimo i successivi 5 anni dalla nascita del tumore.

Ristabilire un ordine infranto‘, questo lo slogan di Hozho. Sabato 6 ottobre, con inizio alle 9,30, partono gli eventi per il decennale: dopo il saluto delle autorità, ecco ‘Il colore dell’amore‘, la consegna di una donazione economica che l’associaziona fa a ‘Villaggio Solidale Congo‘, un opera di beneficienza che si occupa di costruire un villaggio famiglia nella zona francese dello stato africano, grazie anche al lavoro dell’architetto Roberto Granato Raggi, presente oggi alla conferenza. Seguirano l’ncontro con Jo Hàn Chànt Ney, nativo della tribù Navajo e custode di antiche tecniche di riequilibrio energetico. Alle 11,30, poi, la 1a edizione del Premio in rosa ‘La forza delle donne‘. Per tutta la mattinata, poi, ci sarà un omaggio floreale a tutte le donne presenti, oltre che l’esposizione di auto da corsa curata dall”Alfa Club – Val Vibrata‘. Il programma proseguirà con una campagna di prevenzione di giovedì 11 e venerdì 12 ottobre e con u convegno di sabato 24 novembre. Chiude i festeggiamenti la presentazione del book ‘Storia dell’Associazione, presso la chiesa di Sant’Andrea a corso Mazzini sabato 22 dicembre.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.054 volte, 1 oggi)