ASCOLI PICENO – Riscoprire le tradizioni del nostro territorio potrebbe offrire vantaggi per la salute e per il portafoglio: è questo l’obiettivo del corso di “Conoscitore di erbe e piante spontanee” promosso dalla provincia e dall’associazione “Chi Mangiala Foglia”, in collaborazione con la regione Marche e il comune di Ascoli.

L’iniziativa ha preso il via ieri con la prima lezione e con un vero è proprio boom di iscrizioni: ben 60. Ai partecipanti è stato distribuito del materiale didattico e sono stati illustrati alcuni fondamenti introduttivi degli ambienti naturali dove crescono le piante.

Il corso si articolerà in sei lezioni in aula, tutte ad Ascoli nella sala Toria, e in tre uscite sul territorio (collina, montagna, mare). L’intero percorso formativo durerà tre settimane dal 2 al 25 ottobre e terminerà con un esame e con un momento conviviale in cui saranno consegnati gli attestati di partecipazione.  A svelare i segreti alimentari, farmacologici e cosmetici delle varie specie di erbe spontanee locali ci sarà un gruppo di docenti: Laura Gentili, Ludovico Di Francesco, Maria Preziosa Del Papa, Camillo Di Lorenzo, Roberta Lazzarini, Noris Rocchi.

Il corso servirà dunque per far riscoprire la sana alimentazione dei nostri nonni e le più genuine tradizioni locali. Farà inoltre da introduzione a iniziative future volte sia a promuovere la cucina con prodotti a chilometri “zero” sia a rivalutare la storica vocazione all’agricoltura del piceno.

“L’attività formativa vuole valorizzare il circuito delle Cucine Tipiche Locali – ha spiegato Noris Rocchi, uno degli organizzatori – e prevede anche escursioni sul territorio montano, collinare e costiero per sperimentare sul campo le nozioni apprese. Vogliamo che alla fine del percorso i partecipanti siano in grado di riconoscere le caratteristiche delle erbe spontanee e che imparino a evitare quelle tossiche o pericolose“.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 388 volte, 1 oggi)