ASCOLI PICENO – Si svolgerà domenica 21 ottobre (con una gustosa anticipazione sabato sera a Borgo Solestà) la finale dei campionati italiani Fitast (Federazione Italiana Tiro Arco Storico): si tratta di un appuntamento molto importante, collegato al memorial Giovanni Mattei (un giovane arciere scomparso nel dicembre 2011) che richiamerà ad Ascoli circa 300 arcieri.

Tra Forte Malatesta e il Giardino Comunale, tra Porta Maggiore e lo Squarcia, gli arcieri in costume da gara si batteranno a partire dalle ore 9 (conclusione stimata attorno alle 13) su venti punti di tiro, richiamando, probabilmente, un numeroso pubblico. Si tratta del secondo appuntamento della Fitast ad Ascoli dopo quello del 2011, e stavolta è stato deciso di ospitare la finale nazionale.

In realtà il titolo nazionale è stato già assegnato nei precedenti appuntamenti, circa 16 nell’anno, e la conclusione ad Ascoli servirà per assegnare sia i premi per il campionato italiano sia quelli propri dell’appuntamento ascolano. La premiazione avverrà al Forte Malatesta.

“Non abbiamo mai raggiunto la cifra di 300 arcieri per una gara, si tratta al momento del record italiano – afferma il presidente nazionale Fitast Giuliano Ceroni – Ringrazio il Comune di Ascoli che si è dimostrato così sensibile e ci ha aiutato in tutte le richieste necessarie per realizzare l’incontro. Ci aspettiamo almeno duemila presenze”.

L’assessore allo Sport Massimiliano Brugni ha spiegato che l’iniziativa, oltre ad avere un valore sportivo in sé, rappresenta anche un legame con la tradizione ascolana, a partire dalle attività dell’Ente Quintana, e “sta avendo buone ricadute anche a livello turistico, se pensiamo che nel fine settimana gli hotel e i bed and breakfast faranno registrare un ottimo afflusso”.

Emilio D’Angelo, presidente della Sagittarius Piceno (“Siamo gli Arcieri Storici Città di Ascoli”, ci tiene a precisare) spiega che “un anno fa, al primo tentativo e dopo pochi mesi di esistenza della nostra associazione, abbiamo preparato il primo appuntamento ma quest’anno, muovendoci con anticipo, siamo pronti per ospitare la finale, che dedichiamo al nostro grande amico Giovanni Mattei, la cui foto comparirà nella pergamena che sarà consegnata ai vincitori”. A tal proposito la Sagittarius, in collaborazione con Borgo Solestà, organizza il benvenuto agli arcieri che arriveranno ad Ascoli già nella sera di sabato con un torneo preparatorio all’appuntamento del giorno successivo, intitolato “2° Trofeo Borgo Solestà”.

Tonino De Angelis, caposestiere di Porta Maggiore, aggiunge: “Circa 40-50 persone del sestiere sono coinvolte per l’evento, chi come guide, chi per le pratiche organizzative, chi per organizzare il pranzo per i 300 partecipanti. Il premio del torneo Borgo Solestà consisterà in ceramiche tipiche ascolane e la riproduzione di un quadro del Quattrocento dell’Alemanno,m in cui viene ritratta proprio Porta Maggiore”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 996 volte, 1 oggi)