ASCOLI PICENO – “Domotica: aggregazione d’imprese e modelli di business per le PMI” è il tema del workshop organizzato da Piceno Promozione, azienda speciale della Camera di Commercio di Ascoli, in collaborazione con Tecnomarche, Parco Scientifico e Tecnologico delle Marche, che si è tenuto lunedì 29 ottobre presso la Sala Gialla della CCIAA di Ascoli Piceno.

L’incontro è stato pensato per le imprese, i progettisti e gli esperti che a vario titolo afferiscono alla filiera della domotica e dell’Ambient Assisted Living. Nel corso dell’evento si sono susseguiti numerosi interventi, tra cui quello del dottor Thomas Miorin, Direttore del Distretto Tecnologico Trentino, dell’ingegner Roberto Bedini, direttore di TecnoMarche S.c.ar.l – Parco Scientifico e Tecnologico, su “I nuovi modelli di aggregazione economica delle PMI per la filiera della domotica” e della dottoressa Laura Melloni, Direttore Tecnico della Piceno Promozione, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Ascoli Piceno, su “La competitività dei modelli di rete negli scenari internazionali”.

Il dottor Andrea Giaconi, Application Engineer di TecnoMarche, ha presentato i risultati dell’indagine “Imprese Matricole per la domotica”: durante l’incontro, si sono avuti anche momenti di dibattito e testimonianze dagli imprenditori che da anni hanno abbracciato questo nuovo settore innovativo.

I partecipanti hanno avuto modo di discutere sulle implicazioni innovative che la domotica può apportare nei vari settori industriali, ma soprattutto delle opportunità che le innovazioni tecnologiche garantiscono nel rilancio dell’economia.

“L’evento – ha spiegato Gino Sabatini, presidente di Piceno Promozione – è l’atto conclusivo di un percorso che dura da un anno, in cui le aziende sono state coinvolte, con il contributo fattivo delle varie Associazioni di categoria come CNA, Confindustria, Compagnia delle Opere, Confartigianato, Lega Coop. Piceno Promozione,  in collaborazione con il Parco Scientifico e Tecnologico TecnoMarche, ha sensibilizzato gli utenti sull’importanza della costituzione di filiere di settore, oggi molto più competitive delle singole aziende: è, questo, un messaggio di aggregazione e non di divisione, perché la domotica è nel nostro futuro, sia che si tratti di imprese impiantistiche sia che si parli di aziende che vogliono internazionalizzarsi grazie a questo settore innovativo”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 99 volte, 1 oggi)