ASCOLI PICENO – Il dado è tratto: sforbiciata in tutta Italia sul numero delle Province, con la riduzione a 51. E anche nelle Marche si passa da cinque enti locali provinciali a tre: accorpati in un unico ente Ascoli Piceno, Fermo (sorta pochi anni fa dopo la divisione proprio con Ascoli) e Macerata.

Dal 1° gennaio le giunte provinciali decadranno e nella fase di transizione sarà possibile per il presidente delegare non più di tre consiglieri: è previsto che il sistema andrà a regime nel 2014 (non saranno nominati commissari nella fase di transizione a meno che non vi siano degli inadempimenti). Il decreto prevede il divieto di cumulo di emolumenti per le cariche presso gli organi comunali e provinciali e l’abolizione degli assessorati. Quanto agli organi politici, questi dovranno avere sede esclusivamente nelle città capoluogo.

Il capoluogo della nostra provincia Marche Sud dovrebbe essere Ascoli Piceno, città con il maggior numero di abitanti della zona.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 9.414 volte, 1 oggi)