ASCOLI PICENO – Secondo i dati elaborati dall’Ires-Cgil e resi noti dall’Inps, le ore di cassa integrazione richieste e autorizzate nelle Marche da gennaio a fine ottobre sono poco meno di trenta milioni. A conti fatti, dall’inizio della crisi nel 2008 a oggi, le ore di cassa integrazione richieste e autorizzate sono state 131 milioni, il che equivale al mancato lavoro di 73 mila persone.

Entrando nel dettaglio, nei primi 10 mesi del 2012 sono state autorizzate complessivamente 29,9 milioni di ore di cassa integrazione, ovvero 6,4 milioni in più dello stesso periodo dell’anno scorso (+27,1%), ripartite fra CIG ordinaria (6,7 milioni di ore), CIG straordinaria (10,1 milioni di ore) e CIG in deroga (13 milioni di ore).

I settori particolarmente colpiti sono il metalmeccanico (9,7 milioni di ore, oltre 2 milioni più dell’anno scorso), l’industria del mobile (3,8 milioni di ore, 1,4 milioni più del 2011), il calzaturiero (2,1 milioni di ore, meno del 2011), l’abbigliamento, con 1,5 milioni di ore e la chimica, con 1,3 milioni di ore.

Dopo mesi di forte crescita, a ottobre c’è stato un rallentamento delle richieste, ma il ricorso alla cassa integrazione resta elevato: nel mese concluso da poco, le ore di Cig sono state 2,8 milioni di cui 533 mila ore di Cig ordinaria, 1,2 milioni di ore di Cig straordinaria e 1,1 milioni di ore di Cig in deroga.

Complessivamente a ottobre la Cig ha registrato un calo del 17,5% rispetto al mese precedente (in cui si erano superati i 3,4 milioni di ore richieste), ma il livello complessivo supera ancora del 30,9% in più quello di ottobre 2011.

“Sono i numeri di una crisi drammatica nella quale versa il sistema produttivo e i lavoratori”, dichiara, segretaria regionale della Cgil e responsabile delle Politiche del lavoro. “Una crisi dal carattere sempre più strutturale e senza reali prospettive di ripresa nel breve periodo. Per questo sono urgenti politiche di sostegno alla crescita e di sviluppo”.

Anche per queste ragioni, “la Cgil ha proclamato lo sciopero generale e tornerà in piazza il 14 novembre prossimo, nella giornata di mobilitazione europea, promossa dalla Ces, “per il lavoro e la solidarietà e contro le politiche di austerità.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 93 volte, 1 oggi)