CASTEL DI LAMA – Un momento culturale e sociale importante, su un fatto della nostra cronaca recente: perché la guerra civile della ex Jugoslavia, per quanto rimossa e divisa da noi da un mare che a volte percepiamo come un oceano, è anche la nostra storia.

L’Associazione Culturale Babazuf organizza la presentazione del libro “Jugoschegge – storie e scatti di guerra e di pace” che si terrà sabato 17 novembre, alle ore 18 presso la sede dell’Associazione sita in Piazza della Libertà 30, a Castel di Lama.

Gli autori sono Giacomo Scattolini e Tullio Bugari, con testi di Mario Boccia, Paolo Rumiz, Ennio Remondino, Luca Rastello, Alessandro Gori, Roberta Biagiarelli, Silvia Maraone.

Sono trascorsi vent’anni dall’inizio della guerra che determinò l’esplosione e la frammentazione della Jugoslavia. Che situazione c’è oggi, in quei paesi, e quali criticità e potenzialità? Qual è il modo più corretto per raccontare quelle vicende, e che insegnamento possiamo trarne, ancora? E’ di questo che tratta Jugoschegge, il libro di Tullio Bugari e Giacomo Scattolini.

Ci sono le storie di alcuni personaggi d’eccezione – l’editorialista e scrittore Paolo Rumiz, il fotoreporter Mario Boccia, il giornalista Ennio Remondino, l’attrice Roberta Biagiarelli, la cooperante Silvia Maraone – attraverso cui gli autori ricostruiscono un percorso di storie e immagini per una riflessione sulle atrocità della guerra e sulle difficoltà del dopo guerra.

Ma il libro è anche un’occasione per dialogare attorno a temi quali il passaggio storico dai blocchi est ovest, l’allargamento delle frontiere europee verso est o il nuovo “dinamismo” che coinvolge l’area mediterranea.

Il libro è corredato da una raccolta di fotografie di Giacomo Scattolini, prese durante la guerra e poi riscattate oggi e messe a confronto, per raccontare anche gli estremi urbani della devastazione e le tracce della ricostruzione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 350 volte, 1 oggi)