ASCOLI PICENO – Studenti, parte seconda: sabato 17 novembre la Rete degli Studenti Medi Piceni ha sfilato per le vie del centro di Ascoli, tra Corso Vittorio Emanuele, Piazza Arringo e via Trieste. Tema della colorata e colorita protesta, naturalmente, i tagli del governo Monti e dell’austerity.

“Siamo qui a protestare ma anche per proporre il nostro modello di scuola e celebrare la giornata dedicata al diritto allo studio”: ha detto Ilaria Di Bartolomeo, responsabile del gruppo studentesco piceno. Il 17 novembre, infatti, è la Gioirnata Internazionale dello Studente, istituita nel 1941 in Inghilterra dopo che, nel 1939, le forze di occupazione naziste uccisero, senza regolare processo, nove studenti a Praga.

L’evento si è svolto nella mattinata di sabato in modo totalmente pacifico e festoso, come previsto.  I partecipanti, circa 600 e provenienti da tutte le scuole del Piceno, hanno esposto a turno, una volta arrivati a Piazza Simonetti, i loro pensieri sulla scuola italiana e, più in particolare, sugli istituti di provenienza.

I passanti hanno accolto di buon grado i ragazzi in festa esprimendo il loro consenso:  “Siamo soddisfatti” conclude il coordinatore Leonardo Archini “abbiamo ottenuto ciò che avevamo in mente e i 600 partecipanti dimostrano che il cambiamento c’è e sta per avvenire”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 536 volte, 1 oggi)