ASCOLI PICENO – Ampia adesione da parte degli insegnanti del Piceno all’astensione dalle attività che esulano dai doveri contrattuali. A riferirlo sono le organizzazioni sindacali Cisl – Scuola, Flc –Cgil, Uil scuola, Snals Confsal e Gilda.

“In molte scuole – si legge in una nota congiunta – una forte maggioranza di docenti e personale Ata ha dichiarato di astenersi dalle attività aggiuntive, svolte spesso con compensi irrisori o, come le gite scolastiche, senza alcun compenso e con forti responsabilità.

E’ questa una delle forme di lotta, in vista dello sciopero del 24 novembre e della manifestazione a Roma in Piazza del Popolo, sia contro l’aumento di 6 ore di lezione senza compenso (provvedimento che parrebbe sia stato ritirato), sia contro il blocco degli scatti di anzianità che penalizza fortemente la categoria docenti e Ata senza rinnovo di contratto dal 2007.

L’astensione  – conclude la nota – che comprende i corsi di recupero, i progetti (recite, iniziative culturali, convegni, partecipazione a concorsi nazionali etc..), le gite e i viaggi di istruzione, durerà fino all’ottenimento degli scatti di anzianità.

La mancata soluzione della vertenza porterà ad uno stop nella scuola, non della normale attività didattica, ma di tutto quello che i docenti di tutti gli ordini e il personale Ata con fatica offrono per arricchire l’offerta formativa”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 222 volte, 1 oggi)