ASCOLI PICENO – Dalla prima mattinata di oggi, anche l’Istituto Tecnico commerciale e per Geometri ‘Umberto I’ di Ascoli è occupato dagli studenti. La protesta, massiccia e decisa, è stata messa in atto dai militanti del Blocco Studentesco, movimento interno a CasaPound, insieme agli altri ragazzi che frequentano la scuola. Gli studenti fanno sapere che l’occupazione proseguirà per qualche giorno. Già oggi si protrarrà fino in serata e, salvo un ostruzione delle forze dell’ordine, continuerà per tutta la notte.

“Con questa occupazione – spiega Luca Angelini, studente dell”Umberto I’ e membro del Blocco Studentesco – il nostro movimento vuole dimostrare che quella che Monti ha definito la ‘generazione perdutanon è disposta ad accettare i dettami di un governo illegittimo e al servizio dei poteri forti, di non voler credere che misure come La spending review, un macigno per scuole e università nonché ennesimo atto di distruzione sistemica dello Stato sociale e di perdita di sovranità popolare, siano nell’interesse del popolo italiano ed in particolare dei più giovani. Ma ci opponiamo anche al disegno di legge 953 ‘ex Aprea’ che vuole trasformare le scuole in fondazioni private. Per questo oggi – conclude Angelini, a nome pure degli altri studenti che partecipano all’occupazione – anche in questa scuola e nella città di Ascoli Piceno, la ‘generazione perduta’ ha voluto dare il suo ‘assalto al futuro‘. Un futuro per il quale non permetteremo l’esistenza di scuole private riservate a pochi, ma dove la scuola pubblica sarà considerata un punto di forza. Dove non ci saranno ministri come Profumo, espressione di banche e poteri forti, dove sarà la giovinezza a decidere del proprio destino e non una banda di vecchi prezzolati al servizio della speculazione finanziaria“.

L’azione di oggi, rientra nella scia di eventi che il Blocco Studentesco a iniziato con vari sit-in dall’inizio dell’anno e proseguito con lo sciopero di venerdì 16 novembre e la mobilitazione nazionale dello scorso 26 settembre a Roma. Durante l’occupazione, come illustrato nel programma presentato dai ragazzi questa mattina nell’aula magna, saranno tenute conferenze e attività di ogni genere, sia di ambito politico che culturale, oltre a cineforum, tornei sportivi e altre attività sociali. Sempre nelle prime ore, durante la riunione degli studenti, è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare la piccola Monica Fabiani, scomparsa dopo essere stata investita da un’auto lunedì scorso, a soli tredici anni.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.336 volte, 1 oggi)