ASCOLI PICENO – Il Comitato Ascoli per Bersani commenta così la vittoria del segretario del Pd al ballottaggio per le Primarie di domenica 2 dicembre.

Confermato in questo secondo turno il successo del segretario del Pd Pierluigi Bersani nella città di Ascoli Piceno.  Vogliamo, per prima cosa, sottolineare la straordinaria capacità del Partito Democratico e del centrosinstra di mobilitare il popolo delle primarie proponendo candidati adeguati al ruolo da ricoprire, sollecitando con il lavoro capillare la volontà di partecipare dei cittadini ad  una politica che desiderano più vicina e più attenta ai loro bisogni ed offrendo il lavoro di tanti volontari ed il rigore delle regole. Le proposte concrete e puntuali del segretario Bersani  e la sua autorevolezza, conquistata con la serietà, il rigore e la competenza  sono state premiate.

Egli ha infatti saputo meglio interpretare il disagio e prospettare risposte più convincenti ed adeguate al tenore della crisi che sta vivendo il nostro paese ed in particolare la nostra città, stretta nella tenaglia della crisi economica e dell’assoluta incapacità della giunta cittadina ad individuare strumenti adeguati almeno ad arginarla se non a combattere lo stillicidio impone quotidianamente la chiusura a decine di attività economiche e la conseguente perdita di occupazione.

Nella città di Ascoli molti sono coloro che hanno scelto di sostenere il segretario Bersani perchè convinti che la sua ricetta fosse la più credibile ed adeguata alla sfida che attende il nostro Paese: capace di tenere insieme istanze di rinnovamento e di valorizzazione della cultura, dei valori e delle lotte della sinistra europea, ma anche di dare risposte concrete ed immediate ai bisogni dei tanti cittadini che in questi anni hanno visto diminuire il proprio reddito, messi in discussione diritti acquisiti, perso la speranza di trovare o vedere tutelata la propria occupazione, affievolirsi la speranza di un Paese migliore, solidale e capace di valorizzare competenze e  differenze.

Tanti appunto nella città di Ascoli gli amministratori, i dirigenti, gli iscritti ed i semplici cittadini che hanno scelto di sostenerne la candidatura, un’ampio e variegato schieramento che da un lato ha consentito al segretario di superare agevolmente la soglia del 50% e di aggiudicarsi le primarie, ma che ha anche prospettato l’esistenza di una alternativa credibile alla guida della città di Ascoli, riconosciuta dai cittadini.

Questa evidente unità di intenti e la crisi del centro destra e della Giunta Castelli, oggi in  implosione di fronte a contraddizioni che da tempo si erano manifestate e che sono ormai troppo visibili per  esere ancora maldestramente celate, impongono l’individuazione di un percorso capace di ridare alla nostra città il respiro di cui ha bisogno e la possibilità ai cittadini ascolani di essere amministrati da chi sia realmente capace di farsi interprete delle loro istanze. La nostra città deve avere il governo che merita, non può essere più mortificata  dal centro destra.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 291 volte, 1 oggi)