ASCOLI PICENO – Continua l’autunno caldo, a dispetto delle temperature degli ultimi giorni, degli studenti ascolani. Questa mattina, martedì 4 dicembre, dopo aver fatto un assemblea davanti la scuola circa 200 studenti dell’Istituto Tecnico Statale Mazzocchi , con a capo i rappresentanti Sofia Scipi, Giovanni Mascitti, Mattia Nota e Ilaria Chiovini, si sono trasferiti in Piazza del Popolo dove dopo aver letto un documento per spiegare i motivi della loro protesta hanno iniziato una raccolta firme per cercare di sensibilizzare la popolazione verso le gravi carenze del loro istituto raccogliendone quasi seicento solo nella mattinata.

“Il nostro istituto è nuovo ma per mancanza fondi il progetto iniziale non è stato mai completato – ci racconta la rappresentante Sofia Scipi – e tutte le aule e laboratori sono state inglobate nella parte ultimata creando non pochi disagi. Non ci sono le aule per ospitare tutte e trenta le classi (735 alunni in totale) e quindi quattro classi sono in esubero nonostante quest’anno per far fronte a questa mancanza siano state realizzate tre nuove classi utilizzando l’aula magna e un laboratorio, gli studenti si devono spesso perciò spostare di aula in aula e a volte capita anche che si faccia lezione in corridoio”.

Ma non sono solo il problema delle aule a far montare la protesta: “Parecchie sono le carenze strutturali – continua Sofia – e i disagi sono molti, manca la palestra e siamo costretti a spostarci nei vicini campi da tennis coperti, ma quando è caldo facciamo educazione fisica nel parcheggio davanti la pista di pattinaggio, sull’asfalto. In più c’è carenza di laboratori fondamentali per una scuola come la nostra, per mancanza fondi sono numerosi gli strumenti mancanti e quelli presenti alcuni sono obsoleti. Abbiamo deciso di scendere in piazza per sensibilizzare l’intera città verso i nostri problemi che poi riguardano l’intera comunità, e per questo abbiamo deciso di organizzare una raccolta firme per cercare di sollecitare una soluzione a questa situazione oramai insostenibile e fino a quando non verrà risolta noi siamo pronti a svolgere ogni mese l’assemblea in Piazza del Popolo”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 732 volte, 1 oggi)