ASCOLI PICENO – E’ tornata l’abbondanza in casa Ascoli. O, per lo meno, per quanto riguarda il suo attacco. Dopo la buona prestazione di Dramè e il ritorno con gol del ‘Cobra’ Soncin entrambi nella sfida con il Padova, la notizia di oggi è il pieno recupero degli altri due attaccanti bianconeri. Se da una parte l’ungherese Feczesin ha visto passare la sua tonsillite che lo aveva lasciato inerme negli scorsi due giorni, dall’altra la rivelazione dell’anno Zaza ha messo a segno ben quattro delle dieci reti con cui i bianconeri di Silva hanno battuto la formazione primavera di Stallone nella consueta partitella infrasettimanale. Un avvertimento ai prossimi avversari del Picchio, quell’Hellas Verona ferito da due ko, che sabato ospiterà l’Ascoli allo stadio ‘Bentegodi‘.

Oltre al poker firmato dall’ex Atalanta, nel 10-2 finale ci sono state anche doppiette per Feczesin e Dramè e i gol di Soncin e Fossati. Di Morosini e Ruzzier le marcature tra i giovani. Un test che ha consegnato a mister Silva indicazioni da tenere bene in mente. Una su tutte il fatto che Andrea Soncin si giocherà un posto con Robert Feczesin: i due, amichevole a parte, sono in ballottaggio e hanno entrambi motivi che appoggiano e non il loro utilizzo. Per il primo il fatto di aver segnato nell’ultima gara dimostrando un rapporto privilegiato con il gol si contrappone ad uno stato di forma non ancora perfetto; per il secondo, invece, la sua importanza a tutto campo nel gioco di Silva viene mitigata dall’aver saltato due giorni su tre, fin qui, di allenamenti, oltre che dal fatto che è stato l’attaccante più impiegato dal tecnico lombardo. Ma tra i due litiganti potrebbe spuntarla Dramè. Il colored possiede qualità che in Veneto potrebbero far davvero comode alla causa bianconera. , sempre al Città di Ascoli, l’allenamento che chiarirà molto, se non tutto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 268 volte, 1 oggi)