ASCOLI PICENO – Un altro dietrofront, o forse un’altra vittima di Luciano Agostini. Maria Stella Origlia ringrazia e rifiuta la candidatura alle parlamentarie del Partito Democratico.

“Sono riconoscente al mio partito per l’ampia fiducia rivoltami e a quei compagni ed amici che avrebbero convintamente appoggiato la mia persona anche in qualità di candidata donna. Ho piacere che l’impegno profuso abbia avuto un riconoscimento notevole pure tra i cittadini della mia città, ma ritengo di dover continuare a concentrare il mio impegno politico nel partito che negli ultimi mesi ha riacquistato, grazie a tanti dirigenti e militanti, ampia fiducia tra gli elettori di centrosinistra”.

Ad appena dieci giorni dal voto è quindi ancora tutto da riempire l’elenco di nomi da inserire nel listone che ingloberà Camera e Senato. Nei giorni scorsi era stato Fabio Urbinati a San Benedetto a farsi da parte, a causa dei tempi considerati troppo ristretti e di una predisposizione evidente del partito nei confronti dell’onorevole offidano uscente.

“Saremo impegnati prossimamente in un congresso nazionale e locale – conclude la Origlia – che necessariamente dovrà evidenziare l’esigenza di un reale rinnovamento degli organismi dirigenti, senza dimenticare le prossime elezioni amministrative per le quali mi impegnerò in prima persona”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.264 volte, 1 oggi)