ASCOLI PICENO – In occasione delle festività di fine anno la Questura delle province di Ascoli Piceno e Fermo ha organizzato una campagna per la prevenzione contro l’uso indiscriminato dei fuochi d’artificio, realizzata in collaborazione con il Provveditorato agli Studi di Ascoli Piceno.

Al riguardo, gli operatori di Polizia hanno effettuato nelle scuole di ogni ordine e grado di Ascoli Piceno, di San Benedetto del Tronto, di Folignano, Maltignano, Offida e Fermo una serie di conferenze, in cui contattando circa 1200 studenti e’ stata illustrata sia la normativa relativa all’utilizzo di materiale pirotecnico che le maggiori conseguenze che possono derivare dal cattivo o sconsiderato uso dei fuochi d’artificio.

L’obiettivo perseguito è quello di ridurre in maniera ancora più consistente il numero di feriti che, nel periodo delle festività si registrano a causa del cattivo o errato uso dei fuochi d’artificio e dei botti, di evitare l’utilizzo degli stessi da parte di minori o l’utilizzo di prodotti illegali, pericolosi per l’incolumità di chi li usa e delle persone che sono vicine all’utilizzatore.

L’interesse suscitato nei giovani e’ stato sicuramente molto elevato sia per la parte normativa che per i consigli relativi all’uso.

Nel periodo delle Festivita’ Natalizie sono stati disposti numerosi servizi integrativi di controllo del territorio finalizzati al contrasto del fenomeno dei botti per cui non è autorizzata la vendita nonchè a garantire una maggiore sicurezza dei cittadini durante le manifestazioni e i tradizionali festeggiamenti.

Consigli Utili:

– Non usare fuochi d’artificio privi di etichetta che indichi la fabbricazione e il tipo:

-Riparati in un posto sicuro quando qualcuno usa fuochi d’artificio

-Se un fuoco d’artificio non si accende subito non ritentare. Buttalo via

-Non raccogliere i fuochi non esplosi che trovi per la strada,sono pericolosissimi

-Usa i fuochi d’artificio consentiti all’aperto, lontano dalle persone e da materiale infiammabile

-Fatti regalare solo fuochi di cui è consentita la libera vendita e lascia che ad accenderli sia un adulto (Papà o Mamma)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 438 volte, 1 oggi)