CASTEL DI LAMA – Meno uno. A nemmeno una settimana dall’appuntamento del 30 dicembre, le primarie del Partito Democratico perdono per strada un candidato. Si tratta di Patrizia Rossini, che a detta del partito non sarebbe in regola con i versamenti al movimento previsti dallo Statuto.

Il sindaco di Castel di Lama, di fronte renziano, non avrebbe dunque ceduto il 10% dell’indennità da primo cittadino alla forza politica. Una dimenticanza che le è costata l’espulsione dalla gara.

Rimangono quindi in corsa due uomini e due donne: Luciano Agostini, Stefano Corradetti, Anna Casini e Margherita Sorge.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.960 volte, 1 oggi)