ASCOLI PICENO – CasaPound Italia, movimento apartitico ma non apolitico, ha deciso di ‘scendere in campo’ alle prossime elezioni politiche del febbraio 2013. Si presentano come unica alternativa che non ha partecipato alla recente presa in giro fatta dalla politica ai cittadini italiani. E, sempre secondo CasaPound, da qualche giorno anche dalla Regione Marche. L’accusa dei militanti della tartaruga è mossa nei confronti della recente norma approvata lo scorso 18 dicembre, relativa al finanziamento dei gruppi consiliari.

“Nella seduta del Consiglio Regionale del 18 dicembre – spiega Giorgio Ferretti, responsabile per le Marche di Cp – è stata approvata, a larghissima maggioranza, la nuova legge regionale che finanzia i gruppi consiliari. Per il 2013, e lo stesso accadrà per ogni anno successivo, ogni gruppo consiliare percepirà un importo proporzionale al numero dei consiglieri eletti, importo di circa 6.800 euro da moltiplicare per ciascun consigliere del gruppo. In pratica, per ciascun anno di questa legislatura, al Pd andranno 108.800 euro (14 consiglieri + 2 consiglieri, sempre del Pd, ma del gruppo del presidente Spacca), al Pdl andranno 61.200 euro (9 consiglieri), all’Idv 27.200 euro (4 cons.), all’Udc 20.400 (3 cons.), al Fli 13.600 euro (2 cons.). Percepiranno 6.800 euro ogni anno anche ciascuno dei 6 consiglieri regionali monogruppo per un totale di 40.800 euro annui: Sel, Federazione della sinistra, Psi, Verdi, Lega Nord, Per le Marche”.

Ovvio, dunque, secondo Ferretti e CasaPound, mettere ciò in contrapposizione alle continue manovre economiche che invece danneggiano i cittadini. “Tutto questo in barba al periodo di crisi e ai tagli sulla sanità pubblica, sullo stato sociale, sui fondi per gli enti locali che costringeranno i marchigiani a versare lacrime e sangue. La situazione è assolutamente inaccettabile“. Quindi la promessa di presentarsi alle elezioni: “Scenderemo in campo a livello nazionale per le prossime politiche, per dimostrare che esiste un’alternativa. CasaPound Italia non ha mai chiesto un euro alle istituzioni, si autofinanzia tramite i propri militanti e ha creato decine di strutture nel campo della solidarietà, dello sport e della cultura senza contributi pubblici. Ingrassare a dismisura i partiti sulle spalle di chi è asfissiato dalle tasse è una porcheria che non può più essere tollerata – conclude Ferretti – per questo abbiamo dato mandato di raccogliere le firme necessarie per la candidatura di CasaPound Italia alla Camera e al Senato anche nel collegio delle Marche. Un’altra Italia è possibile, e noi ne siamo la prova tangibile”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.122 volte, 1 oggi)