ASCOLI PICENO – Giuseppe Fiore, questore di Ascoli dall’agosto 2009, ha presentato i risultati dell’attività della Polizia di Stato per l’anno 2012 presso la Questura di viale della Repubblica.

“Innanzitutto vorrei sottoporre alla vostra attenzione un dato per me molto importante, ossia la riduzione sempre crescente dei reati complessivi dal 2009, anno in cui inizia il mio incarico qui ad Ascoli”- ha esordito Fiore, che ha poi proseguito sciorinando una serie di dati, tra cui l’interessante diminuzione dei furti in appartamento, 194 contro i 257 dello scorso anno, e su auto.

“Un dato di fatto, di cui si è poco parlato”- riprende Fiore– “estratto da una classifica pubblicata sul Sole 24 Ore, è che Ascoli ha guadagnato 20 posti in vivibilità (da 72 a 50 n.d.r.) e, nella top ten della sicurezza siamo al quinto posto”. Se da un lato i furti diminuiscono e c’è una maggior percezione di sicurezza, dall’altro però persiste il problema del traffico degli stupefacenti, diffuso nella zona costiera (San Benedetto, Cupra Marittima, Grottammare) . A tal proposito un dato, positivo per la Questura, è quello relativo ai grammi di eroina sequestrati: 4871 rispetto ai 1492 del 2011.

Nel nostro territorio non attecchiscono invece fenomeni di delinquenza stanziale, anche grazie alla macchina organizzativa messa a punto dalla Polizia di Stato locale, che punta ad esempio al controllo costante e scrupoloso degli ex collaboratori rimasti nel nostro territorio. Questi infatti “possono essere un richiamo per i vecchi amici”, come sottolinea il questore.

Altri dati importanti, estrapolati dal resoconto sono: la riduzione dei provvedimenti di espulsione , 30 in meno rispetto allo scorso anno, contro 5 accompagnamenti in centri di accoglienza o frontiera in più rispetto al 2011; il dato relativo al rilascio di porto d’armi è lievitato a 825 rispetto ai 672 dello scorso anno;  non poteva mancare il segno della crisi con l’aumento delle truffe da 74 a 103; si sono verificate 2 rapine ad uffici postali, mentre sono diminuite quelle in banca (da 17 nel 2011 a 6 nel 2012).

Sulla gestione delle manifestazioni, Fiore ha affermato: “Siamo riusciti a “contenerle”, nel senso che non ci sono state degenerazioni, come si è visto ultimamente nel caso delle manifestazioni studentesche. Questo perché la Questura ha effettuato un lavorio costante con le associazioni, i sindacati e con le organizzazioni dei tifosi. Il principio che teniamo sempre presente è quello di dare alle manifestazioni lo spazio massimo per la libera espressione, finché non venga lesa la libertà altrui.”

Il Questore ha poi presentato il calendario 2013 della Polizia di Stato, i cui proventi saranno devoluti in beneficienza. Caratterizzato da 12 illustrazioni, realizzate tra gli altri da Mattia De Iulis allievo della scuola Comics, il calendario quest’anno è stato  ideato dai ragazzi del carcere minorile di Nisida (NA).

L’ultima battuta è dedicata alla gestione del flusso di tifosi e spettatori al Del Duca, che lo scorso 26 dicembre ha giocato in casa contro il Cittadella. Molti tifosi hanno lamentato l’impossibilità di poter entrare allo stadio per assistere alla partita. Il questore ha fatto presente che il problema è di carattere organizzativo e si potrebbe risolvere creando un altro botteghino: “Per noi è un problema di maggior entità gestire 200 tifosi che rimangono fuori, piuttosto che averli dentro”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 427 volte, 1 oggi)