Durante le festività natalizie la nostra casa si riempie di parenti e amici con cui condividere momenti di gioia e comunione, senza dimenticare di prenderci cura del nostro amico a 4 zampe.

Garantiamo al nostro cane una zona protetta da rumori e movimenti improvvisi ponendo la cuccia in un posto tranquillo (per esempio non di passaggio) e stando attenti a non invadere il suo spazio personale; se il nostro cane sembra non gradire il caos dei festeggiamenti tuteliamo sempre i suoi spazi intimi e salvaguardiamolo da carezze troppo assillanti.

Facciamo attenzione alla sua dieta: evitiamo i dolci soprattutto la cioccolata perché entrambi possono compromettere il suo stato di salute, teniamo vischio e stella di natale lontano dalla sua portata perché se ingerita può portare disturbi anche gravi.

Per quanto possibile cerchiamo di tenerlo lontano da eccessivi sbalzi emotivi dedicando sempre qualche momento alla calma e al rilassamento per assicurargli sonni tranquilli. Se è particolarmente agitato e non ha problemi di alimentazione possiamo dargli qualche ossetto di pelle di bufalo da sgranocchiare o un kong ripieno di golosità da svuotare indisturbato. Infine approfittiamo della sua presenza per dedicarci a lunghe passeggiate “digestive” che certamente faranno bene ad entrambi, specie dopo i pasti!

Raccomandazioni particolari riguardano la serata di Capodanno. In questa notte tantissimi animali muoiono o fuggono spaventati dal vero e proprio bombardamento di fuochi d’artificio. Un cane terrorizzato può avere comportamenti inconsueti (ansimare, abbaiare, tremare, etc) per questo motivo è fondamentale comprendere il suo malessere e non lasciarlo assolutamente in casa da solo.

Se spaventato dai botti cerchiamo di trasmettergli calma muovendoci e parlando in modo tranquillo, abbassiamo le tapparelle o chiudiamo le imposte in modo da creare una barriera visiva ai lampi e utilizziamo musica o tv per schermare il rumore; molto importante è lasciarlo libero di raggiungere gli spazi della casa che lui ritiene rassicuranti, qualunque essi siano.

Ricordiamoci di non lasciare mai il nostro cane in giardino o in balcone, nel terrore potrebbe fuggire o avere reazioni impulsive; anche per questo motivo controlliamo dal veterinario la lettura del suo microchip, in caso di fuga ci aiuterebbe a ritrovarlo evitando passaggi in canili o rifugi.

Infine per cani in preda a crisi di panico è sicuramente utile una maglietta Thundershirt: la sua struttura e il materiale di cui è fatta aiutano il cane a sentirsi più protetto, superando più facilmente i momenti di terrore acuto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 488 volte, 1 oggi)