ASCOLI PICENO – Commercio elettronico, credito, formazione, turismo: è stata una panoramica ad ampio raggio la conferenza stampa di Concommercio sul resoconto delle attività del 2012 e sui programmi per il 2013. Presenti per l’occasione il direttore Giorgio Fiori, il neo presidente provinciale, nonché presidente della Delegazione di San Benedetto Fausto Calabresi e i dirigenti Ugo Spalvieri, presidente della Delegazione di Ascoli Piceno, Marino Antognozzi presidente della Delegazione dei Sibillini ed Enrica Ciabattoni neo amministratore dell’associazione.

Calabresi ha sottolineato che “ci si è lasciati alle spalle un altro anno piuttosto difficile, caratterizzato da una profonda crisi economica, che ha penalizzato in primis le attività commerciali le quali stanno vivendo da troppo tempo, sulla loro pelle, una tale drammatica situazione, amplificata anche da una eccessiva pressione fiscale, da un crollo dei consumi senza precedenti, da un difficile e costoso accesso al credito, da una burocrazia esasperante ed onerosa solo per citare i punti di maggiore criticità. Ed alla luce degli effetti che avranno sui bilanci delle famiglie le manovre che si sono succedute e che si  succederanno, la situazione non potrà modificarsi nei prossimi mesi”.  “Anche i consumi di Natale, – ha aggiunto Calabresi – sono risultati in linea con la recessione in atto e le prospettive  per questo 2013 non sono migliori, così come già si sta dimostrando sul fronte dei saldi che, purtroppo non rappresentano ormai più quella valvola di sfogo per i negozi per vendere quanto appunto rimasto a fine stagione e per acquisire liquidità.  In una tale difficile situazione la Confcommercio, ha sottolineato Calabresi, intende iniziare questo nuovo anno 2013 con una mobilitazione nazionale della categoria che verrà promossa il prossimo 28 gennaio anche in provincia di Ascoli Piceno, (così come in tutto il resto d’Italia), che vuole essere al tempo stesso di protesta e di proposta per rappresentare alle istituzioni ed alla politica, tutta la sofferenza ed il disagio delle imprese del commercio del turismo e dei servizi dei trasporti e delle professioni”. “Ma al di la delle legittime proteste e delle proposte, Confcommercio, proprio per lenire in qualche modo concretamente le criticità in atto, nel corso di questo nuovo anno intende essere ancora  più vicina alle imprese associate con le proprie istituzionali attività di rappresentanza ed assistenza, con particolare attenzione al  Credito, Formazione, Turismo e assistenza sindacale alle imprese associate, ma anche con una serie di iniziative innovative”.

Dopo che ci si è soffermanti con Ugo Spalvieri sulla criticità che sta interessando inevitabilmente i saldi invernali, da poco iniziati e su come la normativa degli stessi vada in qualche modo rivista, posticipando la data di inizio dei saldi e liberalizzando le vendite promozionali anche a dicembre visto che per forza di cose quasi tutti nello stesso periodo propongono “sconti alla cassa”, il presidente Calabresi ha illustrato nei dettagli i driver e le azioni che Confcommercio Ascoli Piceno porterà avanti nel corso del 2013

PORTALE PER IL COMMERCIO ELETTRONICO: Tra i servizi innovativi Confcommercio ha reso operativo da pochi giorni, il portale www.confshopping.com, costruito  per consentire  alle imprese del terziario della provincia di Ascoli Piceno, di promuovere le loro attività ed i loro prodotti ad una clientela molto più vasta  rispetto a quella normalmente raggiungibile attraverso la rete di vendita tradizionale. L’iniziativa che sta riscuotendo inaspettati consensi, ( ci sono già 10 imprese iscritte al servizio) si differenzia dalle tante altre analoghe che sfruttano il web, in quanto la gestione è curata in toto da Confcommercio con dunque le più ampie garanzie ed il commerciante non ha alcun impegno, se non quello di scegliere i prodotti da mettere in rete. Il tutto a costi oltremodo contenuti, sia per i canoni di adesione che per le convenzioni, con sconti specifici per le imprese associate a Confcommercio.

CREDITO: La difficoltà di accesso al credito è al momento il problema primario delle piccole imprese, e  su questo Confcommercio si attende una svolta in positivo alla luce anche del fatto che  il nostro Consorzio Fidi Ascomfidi oltre ad essersi dotato di un nuovo presidente (l’avv. Walter Gibellieri), ha recentemente acquisito, tramite un accordo con AFI – Ascomfidi di Rimini, la qualifica superiore di Confidi 107, tanto da rafforzare così la garanzia  patrimoniale delle imprese che potranno ora accedere più facilmente ai finanziamenti di cui, in questi periodi di crisi, hanno maggiore necessità.

FORMAZIONE: Rappresenta il “core business” dei nostri servizi nella logica del “formarsi per competere” e così oltre ai tradizionali corsi abilitanti, per quanti devono iniziare l’attività (di somministrazione alimenti e bevande, agente di commercio, o mediatore) e quelli tradizionali sulla Sicurezza del Lavoro, Confcommercio ha programmato una serie di corsi di specializzazione per quanti sono già in attività e che per competere devono appunto essere costantemente aggiornati. Verranno quindi realizzatigli in più, in questo anno 2013, corsi di formazione per le cosiddette nuove professioni, o per quelle, in grado di garantire occupazione come amministratori di condominio, operatori socio – sanitari (OSS), panificatori ed addetti alla sicurezza negli stadi (Stewart). Nonché tutti i corsi abilitanti per l’autotrasporto.

TURISMO: E’ indubbiamente ancora il volano economico ed occupazionale della territorio Piceno per cui Confcommercio ha pianificato una serie di azioni per favorire (anche con specifiche iniziative creditizie) la nascita di nuove strutture ricettive o quanto meno la modernizzazione delle stesse e quindi per sviluppare quei turismi che di più possono trovare ampi spazi di sviluppo nelle nostre realtà favorendo anche la destagionalizzazione, quali il Turismo Religioso ed il Turismo Congressuale. Per quest’ultimo in particolare Confcommercio ha recentemente presentato uno specifico progetto al BIM-Tronto, per favorire un impulso a ulteriori congressi nel Piceno, intensificando così quei flussi turistici più generici che già da qualche tempo sono divenuti interessati, pur se troppo caratterizzati dal “mordi e fuggi”.

ATTIVITA’ SINDACALE E RAPPRESENTANZA: Nel corso del 2013 Confcommercio darà corpo ad importanti iniziative sindacali, sviluppando  aggregazioni di primari settori economici, e rivitalizzando l’attività di quelli più tradizionali. Il primo atto sarà rappresentato dalla istituzione ufficiale del Gruppo  Giovani Imprenditori per favorire così, anche la crescita della una nuova classe dirigenziale della stessa Confcommercio Picena. Si proseguirà quindi con azioni più dirette sul territorio per essere maggiormente vicini alle imprese, in questi periodi di profonda criticità, ripartendo con le assemblee serali  nei primari Comuni della provincia e la costituzione dei  Comitati Comunali facendo così sentire ancora più direttamente la voce della Confcommercio nei centri minori e la vicinanza appunto dell’Associazione alle singole imprese aderenti operanti in quelle località.

NUOVA SEDE CONFCOMMERCIO A PAGLIARE: Ed in quest’ottica andando un po’ anche controcorrente in questi tempi di chiusure, Confcommercio ha ormai definito gli accordi per aprire un nuovo ufficio comunale a Pagliare, località baricentro della Vallata del Tronto, per essere così ancora più vicini alle imprese,  anche con tutti i servizi specialistici proposti dalle strutture collegate Centro Impresa e Patronato Enasco.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 179 volte, 1 oggi)